Logo San Marino RTV

Paralimpico: giro di handbike a San Marino anche nel 2015

19 feb 2015
Paralimpico: giro di handbike a San Marino anche nel 2015
Paralimpico: giro di handbike a San Marino anche nel 2015
Non c’è due senza tre. Farà tappa sul Titano anche nel 2015 il Giro d'Italia di
HandBike, la cui sesta edizione è stata presentata ufficialmente a Milano, al Palazzo Regione Lombardia, con a fare gli onori di casa Antonio Rossi, olimpionico della canoa e assessore regionale allo sport e politiche per i giovani, affiancato oltre che dai membri del comitato organizzatore da Renato Di Rocco, presidente della Federazione Ciclistica Italiana, e dal testimonial d’eccezione 2015 Enzo Iacchetti con la sua carica di verve e simpatia. Alla conferenza stampa, introdotta da un video con le immagini più significative del Giro 2014 (tra cui numerose scattate sul circuito di Fonte dell’Ovo, con Francesca Porcellato e gli altri atleti presenti), hanno partecipato anche i responsabili dell’organizzazione locale delle otto tappe in calendario (salutati con un caloroso e sentito applauso da tutta la sala, gremita di addetti ai lavori), in particolare i vertici del Comitato Paralimpico Sammarinese, con il presidente Daniela Del Din e il segretario generale Maria Rita Morganti. “Siamo veramente orgogliosi di poter ospitare per il terzo anno una tappa del Giro d'Italia di HandBike – ha sottolineato al microfono il presidente Daniela Del Din, approfittandone per invitare pubblicamente Enzo Iacchetti sul Titano in occasione dell’evento – che confermando sostanzialmente la data del 2014 sarà in calendario in questo caso domenica 12 luglio. Orgogliosi a maggior ragione tenendo conto del fatto che siamo tutti volontari e non possiamo contare su alcun sostegno pubblico, a differenza di altre tappe supportate dalle amministrazioni locali. Quindi per noi rappresenta un’ulteriore sfida il reperire le risorse necessarie per approntare la manifestazione, che richiede un notevole impegno, tanto più che quest’anno si è aggiunto anche il Paracycling Italian Tour. Noi ce la metteremo tutta, come sempre, per la miglior riuscita possibile dell’evento, che rappresenta una vetrina importante anche per il nostro Paese. Per questo già nella prossima riunione del direttivo vedremo di definire come muoverci in concreto, rinnovando la chiamata ai nostri volontari per il 12 luglio: anche e soprattutto grazie al loro apporto, le due precedenti esperienze del Giro a San Marino sono state un successo sia a detta dei partecipanti che degli organizzatori nazionali”. La grande novità 2015 è appunto nel connubio tra Giro d’Italia di Handbike e PIT. “Non esistendo praticamente gare per le categorie del Paraciclismo (tandem – tricicli – bici), le abbiamo integrate in via sperimentale in cinque tappe del Giro – ha spiegato Andrea Leoni, patron della corsa - utilizzando gli stessi percorsi ma aumentando il tempo di chiusura delle strade, per dare loro le stesse tempistiche degli handbikers. Così facendo, abbiamo creato un circuito di gare paraciclistiche a tutto tondo con la possibilità, anche per questi atleti, di vestire la Maglia Rosa e arrivando così ad un totale di 26 categorie”. Maglia rosa che, rinnovata nella grafica, è stata svelata in anteprima nell’occasione, insieme a quella bianca (miglior giovane) e nera (ultimo classificato), ciascuna abbinata a un brand, con l’aggiunta del Premio Fast Team (classifica a squadre). La partenza del challenge avverrà dal prestigioso autodromo internazionale “Enzo e Dino Ferrari” di Imola (lunedì 6 aprile), nuova sede di gara, poi appuntamento il 24 maggio a Pavia (quest’anno pronta per una gara a cronometro), quindi il 14 giugno sarà Lentate sul Seveso ad accogliere per la prima volta il Giro d’Italia di Handbike, che approderà il 12 luglio a San Marino per la quarta tappa del calendario.
Domenica 2 agosto sarà la volta di Bardonecchia, quindi il 6 settembre il nuovo
percorso di Castel di Sangro, per spostarsi ad Albenga il 20 settembre, prima del
gran finale domenica 18 ottobre a Milano, all’interno dell’importante calendario
eventi “Expo 2015 in città”. Parole significative sono venute da Enzo Iacchetti, che dopo qualche improvvisato siparietto con Antonio Rossi e pure altri ospiti intervenuti ha rivelato di giungere con questa sua presenza al nono ruolo da testimonial. “Se tutti i personaggi pubblici capissero quanto possono dare rendendosi disponibili verso questo genere di iniziative, credo che si potrebbero ottenere risultati di rilievo – ha dichiarato il comico, rivolgendosi poi ai numerosi paratleti presenti in sala – Devo ammettere che sono io a sentirmi diverso nei vostri confronti, in quanto non sono capace di fare quello che voi fate. Ed è quello che vorrei comprendessero gli italiani, allora sì che la nostra società funzionerebbe meglio. Spingerò amici ad avvicinarsi all’handbike e a provarla, perché è un qualcosa che vi rende superiori anche ai ciclisti tradizionali”.