Logo San Marino RTV

25 giugno 2009: muore Michael Jackson

25 giu 2018
Michael Jackson
Michael Jackson
La morte di Michael Jackson - indimenticato cantautore e ballerino statunitense di fama mondiale, soprannominato il re del pop - è avvenuta il 25 giugno 2009, alle 14:26 (ora americana) a Los Angeles presso l'ospedale UCLA Medical Center, dove Jackson fu trasportato in ambulanza, dopo che ebbe un malore nella sua casa di Los Angeles. Michael Jackson si trovava in questa città per prendere parte alle prove del This Is It, ovvero la serie di quelli che sarebbero dovuti essere stati i suoi ultimi concerti, che sarebbero iniziati a Londra (presso l'o2 Arena) nel luglio 2009.
Jackson, alle ore 10:52, dopo essersi fatto somministrare un farmaco per dormire da parte di Conrad Murray, suo medico personale al momento, ebbe una crisi respiratoria; dopo vari tentativi di rianimazione, furono chiamati i soccorsi e Jackson fu portato d'urgenza in ospedale, dove vi giunse in coma e, dopo altri 42 minuti di tentativi per rianimarlo, è stato dichiarato morto. Dopo l'autopsia svolta sul suo corpo, i risultati tossicologici indicarono che le cause della sua morte erano da attribuire ad un'intossicazione acuta da propofol in concomitanza all'azione di alcune benzodiazepine. Conrad Murray, il medico di Jackson, dopo un processo giudiziario è stato accusato di omicidio colposo e condannato a 4 anni di carcere, il massimo della pena, negli Stati Uniti, per questo tipo di reato.

Michael Jackson è riconosciuto come l'artista con il maggior successo commerciale di tutti i tempi dal Guinness dei primati. È uno dei pochi artisti a essere stato inserito per due volte nella Rock and Roll Hall of Fame; è stato inoltre inserito nella Songwriters Hall of Fame e nella Dance Hall of Fame, unico ballerino proveniente dal mondo pop e rock. Jackson ha vinto centinaia di premi, che fanno di lui l'artista più premiato nella storia della musica popolare.Tra questi, oltre a 40 Guinness World Record, figurano 15 Grammy Award, 40 Billboard Awards, 26 American Music Awards, 16 World Music Awards e 13 singoli al numero uno negli Stati Uniti durante la sua carriera da solista, più di ogni altro artista maschile.