Logo San Marino RTV

Covid, esperienze e prospettive dei Piccoli Stati, Ciavatta: "Dal Titano strategia aggressiva"

"La pandemia in corso. Diagnosi, terapie e vaccini". Su questo tema l'incontro il Meeting on-line fra i Piccoli Stati, promosso dal Direttore regionale dell'OMS Europa, Hans Henri Kluge cui ha partecipato il segretario alla Sanità, Roberto Ciavatta

27 giu 2020

"La pandemia in corso. Diagnosi, terapie e vaccini. Su questo tema l'incontro il Meeting on-line fra i Piccoli Stati, promosso dal Direttore regionale dell'OMS Europa, Hans Henri Kluge cui ha partecipato il segretario alla Sanità, Roberto Ciavatta"

Proprio nel giorno in cui il Titano raggiungeva l'obiettivo atteso delle zero positività al Coronavirus in territorio, i vertici della Sanità dei Piccoli Stati d'Europa si sono incontrati – meeting online - per confrontarsi sull'andamento del Covid nei rispettivi Paesi, sulle misure e strumenti adottati per combatterlo, sulle prospettive. Focus sulla situazione sammarinese nell'intervento del segretario Ciavatta: una strategia aggressiva quella sviluppata dal Titano, partendo dai dati: per esempio, i 16mila screening sierologici effettuati - numeri che corrispondono circa alla metà dei residenti - nessun nuovo caso e nessun nuovo decesso da settimane. Ma anche i comportamenti e le pratiche in ambito sanitario, portando all'attenzione il parere del Comitato Sammarinese di Bioetica, divenuto unica linea guida sul triage delle persone con disabilità nell'accesso alle terapie per Covid nel documento ONU in materia. L'importanza di ragionare in un quadro comune e con lo sguardo rivolto al futuro: “Rimarcato – fa sapere la segreteria alla Sanità – il bisogno urgente di supporto internazionale”, chiedendo all'OMS risposte in questa direzione, anche nell'ottica di affrontare una eventuale ripresa del virus in autunno. Lungimiranza, quindi, formazione: San Marino ha anticipato la realizzazione, nei prossimi mesi, di un progetto di formazione internazionale sulle maxi emergenze sanitarie, anche in virtù del fatto che da decenni il Titano ospita la sede del Centro Europeo per la Medicina delle Catastrofi del Consiglio d'Europa.