Logo San Marino RTV

La voce di San Marino per non dimenticare

27 gen 2020
La voce di San Marino per non dimenticare

Sono tante le prese di posizioni: dalla politica al mondo del lavoro, dal sociale, alla cultura. La Segreteria di Stato per gli Affari Esteri sottolinea il valore della Memoria.  “Non è mai superfluo ricordare fino a che punto si possa cadere in basso - scrive - ed è bene farlo nel modo più approfondito possibile, onde evitare che orrori come quelli compiuti dai regimi nazifascisti del Novecento non si ripetano mai più”, Per il segretario Beccari è altresì necessario contrastare sul nascere i germi dell’intolleranza e del razzismo perché, come diceva il grande Primo Levi, è avvenuto, quindi può accadere di nuovo: questo è il nocciolo di quanto abbiamo da dire “.

“Nei lager nazisti, chiamati ‘campi di lavoro’, abbiamo conosciuto la forma più disumana del lavoro, quello che annienta la persona nella sua interezza e che si prende gioco della sua dignità, a partire dalla ignobile frase all’ingresso di Auschwitz, il lavoro rende liberi”. Scrivono i Segretari di Cdls e Csdl "E il lavoro, aggiungono, ha avuto un ruolo centrale nella storia della Resistenza, quando migliaia di operai contribuirono alla cacciata del nazifascismo riorganizzando il Sindacato democratico nelle fabbriche".

"Anche la nostra piccola Repubblica, in quegli anni terribili, - ricorda Usl - seppe dare al mondo un esempio di grande solidarietà, ospitando e prendendosi cura di quasi 100 mila rifugiati". 

Sinistra Socialista Democratica nel ricordare la Shoah, chiede di non dimenticare anche gli stermini del secolo scorso nella ex Jugoslavia, il genocidio dei Tootsie, i campi della morte in Cambogia, dei gulag staliniani e, per andare più indietro nel tempo, lo sterminio del pellerossa americani e degli aborigeni australiani. Il “Giorno della Memoria” deve diventare giorno “delle Memorie” nel quale si discuta di tutto questo sui mass media, nelle scuole e nelle università tutto l’anno, non per pura retorica, ma con lo scopo di costruire la cultura giusta per un mondo di pace".