Logo San Marino RTV

RTV, il Dg Carlo Romeo: "l'obiettivo è coprire tutto il territorio italiano"

16 lug 2019

Il Dg di San Marino RTV Carlo Romeo torna a parlare della questione sulle frequenze in una lunga intervista sul quotidiano "La Serenissima". Le trattative sono in corso fra le delegazioni dei due Governi guidate da Farnesina e Palazzo Begni e Romeo assicura che il tutto sta andando avanti con  "molta sintonia fra RAI e ERAS". Da parte di San Marino, assicura, c'è l'"irrinunciabilità" dei canali assegnati da Ginevra e la disponibilità a affidarne la gestione all’Italia "in cambio di una adeguata contropartita".

"Un obiettivo possibile - anche se impegnativo da raggiungere - spiega il Dg - è quello di arrivare a coprire in accordo con la consociata Rai tutto il territorio italiano. Per noi questo è fondamentale per il bacino pubblicitario visti anche i tagli dei contributi sammarinesi e italiani che abbiamo avuto in questi anni. I tempi sono molto stretti in ogni caso perché entro il 2021 deve essere effettuato il passaggio definitivo al nuovo sistema di frequenze. "

Un commento anche sull'insediamento del nuovo Consiglio di Amministrazione di San Marino RTV, con un ringraziamento a nome di tutto il personale al presidente uscente Davide Gasperoni e i consiglieri "che si sono impegnati in coscienza a favore dell’azienda secondo un preciso mandato". "Il primo vero Cda, dopo quello di insediamento - chiarisce il Dg - sarà il 29 luglio e avremo molta carne sul fuoco, non ultimi i tagli italiani e sammarinesi di cui parlavo prima. Siamo riusciti a chiudere in attivo il bilancio 2018 facendo un vero e proprio miracolo ma è veramente molto dura con i tagli che arrivano a metà anno e il bacino pubblicitario che non si espande."

Confermato anche l'appuntamento con il Galà annuale di RTV, che si terrà al Kursaal il 21 settembre. Una serata che, anticipa, sarà dedicata principalmente al cinema e ai serial, visto che questo sarà uno dei punti forti del palinsesto 2019/2020. Dario Vergassola e Davide Riondino presenteranno l'evento, dopo il grande successo della trasmissione "Non si batte il classico". 

Nell'intervista anche un accenno alla nuova sede di RTV, al momento in stand by fino a quando non sarà risolto lo scenario delle frequenze. "Chiaramente il problema resta comunque urgente - specifica il Dg - ma al momento è difficile immaginare soluzioni".

Il Dg commenta anche la querela al Magistrato Dirigente del Tribunale, Valeria Pierfelici, di cui recentemente sono state confermate le dichiarazioni denigratorie nei confronti dei giornalisti di RTV. "Nello specifico siamo fiduciosi, nonostante il contesto e la recente sentenza del giudice dei rimedi straordinari Vitaliano Esposito che esprime perplessità sui rapporti fra uno dei giudici e la querelata che potrebbero comprovare la mancanza di imparzialità. Sicuramente a San Marino o in Italia, visto che siamo tutti iscritti anche all’Ordine dei Giornalisti italiano, tuteleremo il nostro lavoro e l’Azienda."

Da qui l'auspicio che anche la Consulta dei giornalisti sammarinese si trasformi in un vero e proprio ordine professionale anche sul Titano. "Dovremmo cominciare tutti a ragionarci concretamente - conclude - ognuno per quanto di sua competenza".