Logo San Marino RTV

"Salva un specie", liberati 200 storioni al Delta del Po

17 mag 2017
"Salva un specie", liberati 200 storioni al Delta del Po
"Salva un specie", liberati 200 storioni al Delta del Po - Questi pesci, denominati i "Dinosauri dell'Adriatico", sono a rischio estinzione a causa dell'inquin...
"Oggi festeggiamo la giornata delle feste migratrici liberando più di 200 storioni. È progetto che coinvolge tanti enti: il Parco del Ticino, l'Università, l'Acquario di Cattolica, il Parco Oltremare e altri. Siamo un gruppo affiatato che lavora insieme da qualche anno e questo è risultato".
Ed è così che una specie ben nota ai vecchi pescatori è tornata a ripopolare le acque degli estuari romagnoli nell’area sud del Delta del Po e dei fiumi che risale per riprodursi. 
Lo storione cobice è rimasto immutato nel tempo, con scudi ossei lungo il corpo al posto delle squame, che gli è valso il soprannome di “Dinosauro dell’Adriatico”. Ma negli ultimi 50 anni l'inquinamento e la pesca indiscriminata l'avevano praticamente estinto. Tanto da essere fra le specie a rischio e iscritto alla red list dell’International Union of Conservation of Nature.
Di qui il progetto di salvaguardia e tutela, curato dai parchi Costa Edutainment, “Salva una specie”, per sensibilizzare il pubblico alla conservazione e alla gestione responsabile degli ambienti.
All’iniziativa ha aderito anche l’Associazione dei Capannisti, i pescatori sportivi che occupano i tradizionali capanni sul Delta del Po, i quali diventeranno i “guardiani” dell’area ed in caso di catture provvederanno a contattare gli esperti dell’Università per le valutazioni sullo stato di accrescimento e salute degli animali. 

FM

Nel video l'intervista a Oliviero Mordenti, Ricercatore Università di Bologna