Logo San Marino RTV

Attentato a Barcellona: furgone investe la folla sulla Rambla

17 ago 2017
Almeno tredici persone sono morte e 80 sono rimaste ferite - di cui una decina in maniera grave - in un atto terroristico a Barcellona: un furgone ha investito la folla sulla Rambla, poi il conducente è fuggito a piedi. La stima è dei media spagnoli. L'Isis ha rivendicato l'attentato attraverso la sua «agenzia» Amaq, definendo gli attentatori «soldati dello Stato islamico». Lo riferisce il Site, il sito di monitoraggio dell'estremismo islamico sul web, pubblicando una immagine della rivendicazione in arabo.
Il furgone ha iniziato la sua corsa omicida a Plaza de Catalunya fino alla piazza del mercato della Boqueria, a oltre 600 metri di distanza. Chiuse le stazioni della metro della zona. La polizia ha invitato i negozianti a chiudere i loro locali quale misura di precauzione.
Due persone ritenute coinvolte nell'attentato di Barcellona sono state arrestate: lo ha annunciato il presidente del governo catalano, Carles Puigdemont, in conferenza stampa. Altre due sarebbero in fuga.
Un'altra sarebbe rimasta uccisa in un conflitto a fuoco con la polizia tentando di forzare un posto di blocco a una decina di chilometri a ovest di Barcellona. Lo scrive La Vanguardia.
La polizia catalana ha escluso l'esistenza di soggetti asserragliati all'interno di bar o ristoranti attraverso un tweet. La Farnesina è al lavoro per verificare l'eventuale coinvolgimento di cittadini italiani.
Il governo catalano ha deciso tre giorni di lutto nazionale dopo l'attentato di Barcellona. Lo ha detto il ministro dell'Interno catalano Joaquim Forn.