Logo San Marino RTV

Niente rimborso in denaro per concerti cancellati: critiche anche dai cittadini sammarinesi

Continua a far discutere la questione 'voucher' per i concerti annullati per il Covid-19

di Mauro Torresi
12 giu 2020

Diversi i i cittadini del Titano che si sono ritrovati con un biglietto pagato per un concerto che non c'è più. L'emergenza virus ha portato a una massiccia cancellazione di eventi tra i quali, ad esempio, lo show di Paul McCartney che aveva previsto due date in Italia. Ticket acquistati anche da sammarinesi. Ma dopo l'annullamento, segnalano i cittadini, nessun rimborso in denaro. Il decreto "Cura Italia" prevede infatti l'erogazione di voucher per eventi in programma fino al 30 settembre, ma per i consumatori ci sono una serie di cose che non vanno.

Sulla questione si è espresso lo stesso ex Beatles. “E' scandaloso – ha scritto McCartney – che coloro che hanno pagato un biglietto per uno show non possano riavere i loro soldi”. Al momento, non sono previste nuove date del musicista. Ma per gli organizzatori lo staff dell'artista era a conoscenza di questa formula di rimborso istituita in un periodo di crisi “senza precedenti”. Il ministro della Cultura, Dario Franceschini, ha proposto, in qualche modo, una via d'uscita, ipotizzando un intervento del Parlamento per “togliere ogni dubbio interpretativo della norma”.

Nel servizio, l'intervista a Roberto "Moghe" Moretti, musicista e promoter