Logo San Marino RTV

Cambiamenti climatici, Pres. Fosson: "Valle d'Aosta può essere laboratorio di studio"

Nel Tg Ambiente di questa sera l'intervista al Presidente della Regione Valle d'Aosta

di Filippo Mariotti
9 ott 2019
sentiamo Antonio Fosson
sentiamo Antonio Fosson

Si fa sempre più serio il rischio crollo per il ghiacciaio Planpincieux. Situato sul Monte Bianco, il blocco di ghiaccio si sta pericolosamente spostando lungo il massiccio verso la Val Ferret.  Dopo l'allerta per il pericolo della caduta di una parte consistente del ghiacciaio, scattata martedì 24 settembre, un ulteriore crollo da 3.000 metri cubi e altri di «entità trascurabile» - confermati dalla Regione Valle d'Aosta e dalla Fondazione Montagna sicura - sono stati registrati lunedì dal sistema che monitora il Planpincieux, sulle Grandes Jorasses (Grand gioras).

"L'aumento della temperatura, soprattutto durante l'estate, ha un chiaro impatto su questo ghiacciaio temperato. C'è una forte connessione tra l'alta temperatura, lo scioglimento del ghiaccio, la quantità di acqua all'interno del ghiacciaio e la sua attività",  ha spiegato Daniele Giordan, ricercatore dell'Istituto di Ricerca per la Protezione Idrogeologica. In vista dell'inverno, con le minime che scenderanno, c'è la possibilità che il ghiacciaio possa smettere di scivolare. Ma le previsioni a lungo termine parlano chiaramente di un aumento mondiale delle temperature, quindi il futuro di questo ghiacciaio - e degli altri nelle Alpi - è tutt'altro che certo.

Questa sera al Tg Ambiente, alle 19.50, l'intervista al Presidente della Regione Valle d'Aosta, Antonio Fosson che critica i toni allarmistici della stampa. "Il nostro sistema d'allerta si è dimostrato molto efficiente - ha riferito -, visto che è avvenuto ciò che i nostri tecnici avevano previsto". "Grazie ai sistemi di monitoraggio e prevenzione, la nostra è la Regione più sicura d'Italia", ha sottolineato Fosson.