Logo San Marino RTV

Conte alle Camere: "Fase 2, nessuna scelta timida, si muoveranno 4 milioni e mezzo di persone in più, è test importante"

L'Istituto superiore di Sanità: "Immunità di gregge ancora molto lontana. Le zone rosse oggi sono 76, si useranno ancora per contenere il virus"

di Francesca Biliotti
30 apr 2020
dalla corrispondente Francesca Biliotti
dalla corrispondente Francesca Biliotti

Scene non propriamente edificanti alla Camera, quando le opposizioni protestano perché il presidente del Consiglio non indossa la mascherina durante l'informativa, nonostante l'accordo coi capigruppo, ha ricordato il presidente della Camera Fico, che ha dovuto sospendere la seduta, prevedesse congrue distanze di sicurezza. Conte difende gli annunci di domenica: “Non è stata una scelta timida – ha detto – tutt'altro, si muoveranno altre 4 milioni e mezzo di persone, sarà un test importante”, ma, ha aggiunto, siamo ancora nella pandemia e nella fase di convivenza col virus, non della liberazione. Conte ha parlato di tutti i settori non nominati domenica, le scuole, lo spettacolo, il turismo “che difficilmente potrà recuperare il danno prodotto”, ha detto, annunciando interventi. Se i contagi non si impenneranno ci saranno altri allentamenti. Illegittime comunque, ha aggiunto, tutte le iniziative locali a contrasto, riferendosi alla presidente della Calabria che vorrebbe già riaprire bar e ristoranti. Nessuna fuga in avanti dunque, ma si valuta anche la riapertura sperimentale di nidi e scuole d'infanzia, oltre ai centri estivi. Annunciati anche i primi 150mila test sierologici.

E mentre uno studio cinese pubblicato da Nature Medicine conferma che chi guarisce da Covid-19 sviluppa sempre gli anticorpi protettivi al virus, l'Istituto superiore di Sanità conferma che l'immunità di gregge, con almeno il 60% della popolazione colpita, è ancora molto lontana.

Le zone rosse sono 76, in 7 Regioni, e si useranno ancora per contenere il virus. Crollano i nuovi contagiati, 3.106 meno di ieri, mentre si impennano i guariti, 4.693 in più. I morti nelle ultime 24 ore sono stati 285, per un totale che ormai sfiora i 28mila, mentre i casi totali sono 1.872 in più. Mezza America riapre, almeno 28 su 50 gli Stati che allenteranno le restrizioni entro domani, dice la Cnn: in Florida e West Virginia riaprono anche i dentisti, una delle categorie più a rischio. I morti negli Stati Uniti sono oltre 60mila, gli ultimi 2.500 solo nelle ultime 24 ore. Sono già 30 milioni i disoccupati. Nel Regno Unito invece, ormai al terzo posto al mondo e secondo in Europa per numero di vittime, si prospetta una fine del lockdown a giugno

Nel video gli interventi del presidente del Consiglio Giuseppe Conte alla Camera dei Deputati e del professor Silvio Brusaferro presidente dell'Istituto superiore di Sanità