Logo San Marino RTV

Europee: Lega primo partito in Italia

27 mag 2019
foto @ansaEuropee: è boom per la Lega
Europee: è boom per la Lega

Boom della Lega alle elezioni europee, dove conquista il 34,34%. Crolla il M5s, al 17,05%. Il Pd è il secondo partito col 22,71%. Matteo Salvini ringrazia gli elettori e promette: "Al lavoro. Per l'Italia e per gli italiani". Di Maio prende atto che "la sua gente si e' astenuta", così ha detto e attende risposte.

"Chiedo un'accelerazione sul programma di governo. A livello nazionale non cambia nulla", ha detto il leader della Lega e vicepremier Matteo Salvini a Milano. "Siamo il primo partito in Italia, adesso si cambia in Europa", ha detto il leader della Lega. "Una sola parola: GRAZIE Italia!", aveva commentando dopo i primi exit poll postando anche una sua foto con un cartello scritto a penna dove si legge "1/o partito in Italia, grazie". "Visti i risultati mi sembra abbastanza chiaro" che sarà la Lega, nel governo, a indicare il nome del futuro commissario europeo, ha affermato il capogruppo della Lega alla Camera Riccardo Molinari, durante una diretta di Porta a Porta.

"Molto soddisfatti per l'esito elettorale, la scelta della lista unitaria è stata vincente. Il bipolarismo è tornato a essere centrato sulla presenza del Pd", ha detto il segretario Pd Nicola Zingaretti. "Dopo 5 anni torniamo a crescere e ora ci sono tre poli, non più solo Lega e 5 Stelle. Un anno fa davano il Pd per finito", sottolinea una fonte autorevole dem analizzando gli exit poll disponibili. "Il Partito democratico c'è, è in campo, è la forza sulla quale costruire l'alternativa", ha detto Andrea Orlando.

"Restiamo comunque ago della bilancia in questo governo. Da qui in avanti più attenzione ai territori", ha detto il vicepremier e leader M5S Luigi Di Maio. "Siamo stati penalizzati dall’astensione, soprattutto al Sud, ma ora testa bassa e lavorare". 

E' stata del 56,10% l'affluenza in Italia alle elezioni europee 2019, in calo rispetto al 58,69% della precedente consultazione di riferimento. L'affluenza più alta è stata in Umbria (67,7%) ed Emilia-Romagna (67,3%), la più bassa in Sardegna (36,25%) e in Sicilia (37,51%).