Logo San Marino RTV

Giovane uccisa nel Riminese, condanna definitiva per killer

31 mag 2019
@secoloXIX
@secoloXIX

Condanna definitiva per il 'serial killer' che uccise Anna Maria 'Luna' Stellato, 24enne ligure trovata cadavere nelle acque di Torre Pedrera (Rimini) il 14 luglio del 2012. La Corte di Cassazione ha definito inammissibile il ricorso presentato dalla difesa del 34enne Zakaria Ismaini condannato a 29 anni dalla Corte di Appello di Bologna, un anno in meno della pena inflitta dalla Corte di assise di Rimini, su richiesta del Pm Davide Ercolani. Quello di Stellato è solo uno dei delitti commessi dal marocchino. Già condannato all'ergastolo a Brindisi per l'omicidio di Cosimo Mastrogiovanni, 63 anni, pensionato di Latiano bruciato vivo il 10 novembre 2014, aveva ammesso di aver ucciso la 50enne Letizia Consoli, vedova assassinata a Catania il 7 febbraio 2015, colpita alla testa e gettata in mare. Per questo delitto è stato condannato a Catania due mesi fa a 30 anni. Gli investigatori dei carabinieri, coordinati dal pm Ercolani, in un'indagine definita "estremamente complessa" avevano subito sospettato del marocchino. Interrogato dopo la morte della 24enne, aveva fatto perdere le proprie tracce fino all'omicidio di Mastrogiovanni a Latiano nel 2013 e poi nel 2015 di Consoli a Catania. Gli investigatori di Rimini hanno scoperto che in tutti i tre i casi Ismaini ha commesso un errore: si è impossessato del telefonino delle vittime per chiamarle nei giorni successivi, quando erano già morte, per crearsi un alibi.