Logo San Marino RTV

MotoGP “tarocco”, scattano i sequestri a Misano. Attenzione particolare ai “bagarini”

di Filippo Mariotti
13 set 2019
Immagine fornita dalla Guardia di Finanza di Rimini
Immagine fornita dalla Guardia di Finanza di Rimini

La Guardia di Finanza di Rimini ha intensificato i controlli in occasione del “Gran Premio di San Marino e della Riviera di Rimini”. Sono 40 i militari, in uniforme ed in “borghese”, che opereranno da questa mattina sino a domenica nei pressi del circuito. Un’azione di contrasto della circolazione di prodotti contraffatti o non conformi agli standard di sicurezza previsti dalla normativa dell’Unione Europea e nazionale ha già consentito alle Fiamme Gialle di sequestrare, ad un cittadino bengalese, 123 capi d’abbigliamento, fra i quali cappellini e magliette di note scuderie motociclistiche e società di calcio. La maggior parte sono associate al logo “VR 46 THE DOCTOR” di Valentino Rossi.

Attenzione particolare anche nei confronti del “bagarinaggio”. In questa prima giornata sono 25 i soggetti sospetti già identificati mentre stazionavano nei pressi degli accessi al circuito e delle casse con atteggiamenti da potenziali “bagarini”, mentre per un soggetto di origine britannica è scattato in queste ore il sequestro dei biglietti che cercava di piazzare ed il relativo verbale di sanzione.