Logo San Marino RTV

Nuova ordinanza dal ministro della Salute: "Nessun allentamento delle restrizioni anti Covid sui treni"

Trenitalia e Italo avevano annunciato il ripristino del 100% della capienza, ma Speranza smentisce subito. Contagi in lieve calo, maglia nera di nuovo all'Emilia Romagna

di Francesca Biliotti
1 ago 2020
dalla corrispondente Francesca Biliotti
dalla corrispondente Francesca Biliotti

Nessun allentamento delle restrizioni anti Covid sui treni. Dopo l'annuncio di Trenitalia e Italo del ripristino del 100% della capienza sui treni ad alta velocità, il ministro della Salute Speranza ha subito firmato una nuova ordinanza con la quale ribadisce che “in tutti i luoghi chiusi aperti al pubblico, compresi i mezzi di trasporto, resta obbligatorio il distanziamento di almeno un metro e l'obbligo delle mascherine. E' giusto – aggiunge poi – che sui treni restino in vigore le regole di sicurezza applicate finora. Non possiamo permetterci di abbassare il livello di attenzione e cautela”. 

L'incremento dei casi è in diminuzione rispetto agli ultimi due giorni, 295 i contagi in più, ma la maglia nera per la Regione col maggior numero di aumenti va di nuovo all'Emilia Romagna, coi suoi 56 nuovi casi (37 asintomatici), contro i 55 della Lombardia.


5 i decessi in tutta Italia, di cui 2 in Emilia Romagna. Altri 3 casi a Rimini, 2 con sintomi. Uno è lavapiatti in un ristorante di Rivabella, subito chiuso per quarantena dal titolare stesso. Intanto parte la sperimentazione sull'uomo del vaccino italiano anti Covid-19. L'Agenzia italiana del farmaco ha autorizzato il via alla fase I sul vaccino prodotto dalla ReiThera. Lo studio prevede l'arruolamento di 90 volontari sani, 45 adulti e 45 anziani, dai 18 agli 85 anni di età. Materialmente la sperimentazione sarà condotta allo Spallanzani di Roma, reparto malattie infettive, oltre che al Centro ricerche cliniche di Verona.