Logo San Marino RTV

Ucraina: inizia l'emissione dei passaporti ai cittadini di Donetsk e Lugansk

15 giu 2019
La corrispondenza settimanale di Victoria Polischuk
La corrispondenza settimanale di Victoria Polischuk

Ieri, nella regione di Rostov, è iniziato il processo di emissione semplificata dei passaporti ai cittadini ucraini dai territori non controllati delle regioni di Donetsk e Lugansk. La Russia la chiama un'azione umanitaria. L'Unione Europea e il Governo tedesco stanno pianificando di sviluppare un meccanismo per distinguere tra passaporti emessi dalla Russia nei territori occupati del Donbass e passaporti legali russi. Riguarda la prevenzione del possibile ingresso di persone con tali passaporti nel territorio dell'Unione europea. Dopotutto, il documento è ora rilasciato a “categorie prioritarie” - rappresentative delle cosiddette strutture di potere delle repubbliche, così come dei collaboratori in servizio delle amministrazioni di occupazione. Gli uomini diventano automaticamente registrati nell'esercito russo. Ad aprile, il presidente russo Vladimir Putin ha firmato un decreto sulla semplificazione della procedura per garantire la cittadinanza russa ai residenti delle Dpr e Lnr. Le condizioni principali sono la disponibilità di passaporti delle autoproclamate repubbliche e la consegna del passaporto ucraino. Secondo i media, solo 12mila persone residenti delle “repubbliche” hanno inoltrato domanda. Come noto, la seconda cittadinanza in Ucraina è proibita: i passaporti degli ucraini che hanno ricevuto i documenti russi possono essere cancellati in qualsiasi momento.

Dall'Ucraina, Victoria Polischuk