Logo San Marino RTV

Celli smentisce dimissioni, maggioranza rinnova fiducia e si compatta

9 ott 2018
Il Segretario Simone CelliCelli smentisce dimissioni, maggioranza rinnova fiducia e si compatta
Celli smentisce dimissioni, maggioranza rinnova fiducia e si compatta - Fibrillazioni politiche alla vigilia della Commissione Finanze e della Assemblea Soci Carisp
È una risposta secca e lapidaria quella che arriva dal segretario alle Finanze, Simone Celli: “Smentisco categoricamente di avere formalizzato le mie dimissioni davanti alla Reggenza - dice alla nostra redazione”. “Per il momento – aggiunge – non ho altro da dire”. Nuove voci di rimpasto, nuovi rumors di un intero esecutivo che traballa si rincorrono per tutta la giornata. Invece, la maggioranza fa quadrato. Nessuna dimissione, tantomeno, nessuna crisi di governo. È la seconda volta in poche ore che Adesso.sm, rinnovando la fiducia al segretario alle Finanze, ribadisce compattezza. In evidenza è senza dubbio il contesto politico di pieno fermento e una situazione più che mai fluida, che potrebbe evolvere di ora in ora, anche se pare difficile pensare che il responsabile delle Finanze lasci, alla vigilia di giornate cruciali e che vedono protagonista proprio la sua segreteria.

Non solo l'orizzonte internazionale: Celli sarà a Bali dal 12 al 14 ottobre, insieme al Presidente di Banca Centrale Catia Tomasetti, per gli Annual Meetings del Fondo Monetario. Ma soprattutto, sul fronte interno, occhi puntati sulla giornata di domani. C'è attesa per la Commissione Finanze, con l'audizione - voluta dallo stesso Celli - dei vertici di Banca Centrale: il Presidente Tomasetti, il neo Vice Direttore Giuseppe Ucci e i membri del Consiglio Direttivo.

In parallelo, sempre domani, l'Assemblea dei Soci Carisp: sullo sfondo, sono ben due i fronti aperti, entrambi delicati: l'iter di vendita degli Npl Delta e il capitolo relativo alle eventuali azioni di responsabilità verso chi abbia provocato, in passato, il dissesto della banca. Su tutto, la nuova “ordinanza Morsiani”, che forti interrogativi pare porre proprio sulle connessioni tra le passate vicende in Banca Centrale e Carisp – il suo bilancio e svalutazioni, le stesse operazioni per la cessione dei crediti Delta.

Partendo da qui, i consiglieri Dc, Mussoni e Lonfernini, anche membri in commissione Finanze, chiedono al Presidente Tony Margiotta di attivarsi presso il Congresso di Stato per ottenere il rinvio dell'Assemblea Soci Carisp. Rinvio “a quando il quadro delle problematiche che emergono dall'ordinanza del Commissario della Legge – dicono - avranno una maggiore comprensione”. La definiscono una richiesta “irrituale”, ma che in queste ore pare non siano i soli ad avanzare.

AS