Logo San Marino RTV

Congresso della Cdls

16 mar 2004
Congresso della Cdls
Forte dei suoi 4.660 iscritti, aumentati di 724 unità rispetto al congresso del 2003, la Cdls si presenta come una Confederazione in salute. I delegati sono 571, di cui 85 frontalieri, e il consiglio confederale che uscirà eletto dall’assise sarà composto da 25 membri, due in più. 7 saranno i rappresentanti della segreteria, l’organo esecutivo della Cdls. Presidente dell’assise sarà Gian Carlo Felici. Il segretario uscente Marco Beccari, che si ricandida e si avvia alla riconferma, non nasconde la sua soddisfazione per un’organizzazione sindacale forte e attiva nel Paese, sempre più vicina ai lavoratori, e con le assemblee precongressuali svoltesi in un clima di collaborazione costruttiva.
“Paradossalmente il nuovo modello di finanziamento al sindacato – spiega – ha riavvicinato i lavoratori, che ci vedono come un punto di riferimento. Il referendum per eliminare lo 0.40 sarebbe stato contro il sindacato, e i sammarinesi lo hanno capito, ribellandosi”. “Siamo coscienti di avere forza, ma vogliamo costruirci un futuro”, aggiunge Giorgio Felici “il 2004 sarà impegnativo, con i tre maggiori contratti dell’industria, artigianato e pubblico impiego in scadenza alla fine dell’anno. Parliamo di 12.000 lavoratori interessati, i 2/3 di tutta la forza lavoro”. Tra le delegazioni estere ospiti del congresso, che si aprirà giovedì alle 20.30, spiccano i sindacati spagnoli dell’UGT (ugheté), i baschi dell’Ela. Per la prima volta ad un’assise sindacale, sarà presente anche l’Ambasciatore d’Italia a San Marino Renato Volpini.