Logo San Marino RTV

Dim: "prossima legislatura dovrà rivedere l'architettura costituzionale"

4 mar 2019
Dim: "prossima legislatura dovrà rivedere l'architettura costituzionale"
"Un Congresso di Stato ormai fuori controllo con la complicità di una maggioranza sempre più incapace di un confronto, utilizzano impropriamente la decretazione". Così Dim che ha contato, a fronte di una ventina di leggi approvate, quasi 350 decreti emessi. Numeri impietosi, scrivono Rete e Movimento Democratico San Marino Insieme, che certificano quanto il Consiglio sia stato esautorato del proprio ruolo legislativo. Sempre più spesso, secondo Dim, atti normativi che dovrebbero essere dei veri e propri progetti di legge vengano mascherati da decreti (alcuni da 40 e più articoli) con l’unico scopo di aggirare i confronti da tenersi nelle Commissioni e in Aula, anche con il coinvolgimento di tutte le parti sociali o organizzazioni di categoria. Nella legislatura che verrà, rimarca la nota, occorre rivedere profondamente l’architettura costituzionale del nostro Stato, ristabilendo quegli indispensabili contrappesi che regolano la vita democratica. Dim rilancia i progetti di legge depositati nel 2015 da Rete che prevedono, tra le altre cose, una diminuzione dei membri del Consiglio - istituendo la figura del Consigliere di professione - e l'abolizione della miriade di commissioni oggi presenti.