Logo San Marino RTV

Paolo Ugolini e’ il nuovo direttore del Tributario

22 mar 2005
Paolo Ugolini e’ il nuovo direttore del Tributario
Fallita l’esperienza del bando di selezione, il congresso di stato ha deciso per la chiamata. Attuale funzionario della banca centrale. Ugolini ricoprirà l’incarico per tre anni. all’interno di un progetto di sviluppo e potenziamento dello stesso tributario. Tra le nomine anche quella a dirigente di Loris Francini che torna a capo del Centro di formazione professionale. Mentre Lucio Daniele è il nuovo coordinatore del dipartimento informazione, rapporti con le giunte. Al suo posto, all’Avvocatura dello Stato, Maria Teresa Giacobbi. Anche di sciopero si e’ parlato nella riunione del congresso. In discussione il rapporto con i sindacati. L’orientamento del governo e’ portare avanti le contrattazioni in maniera organica, per cui i segretari al lavoro e alle finanze saranno presenti a tutti i tavoli con, a rotazione, l’aggiunta dei segretari competenti per materia. Secca smentita, circa la riforma previdenziale, delle dichiarazioni fatte dai sindacalisti durante lo sciopero. “Nessuno ha mai pensato di ridurre le pensioni del 50% - ha affermato Rossini - e’ una cattiva azione informativa”. Giovedi’ parte il confronto tecnico ma si tratterà di una riforma pensionistica vera e non di aggiustamenti. Porteremo avanti insieme le trattative sui contratti – aggiunge la Zafferani – per avere la massima equità”. Tra le delibere, la presa d’atto dell’esito dei colloqui finali per stabilizzare il personale con l’apprezzamento per il lavoro svolto dai dipendenti pubblici. L’emissione filatelica dedicata al 300° anniversario della nascita del papa Clemente XIV in base alla collaborazione della società Unione Mutuo Soccorso di Santarcangelo con quella sammarinese. Mularoni ha annunciato a breve il decreto reggenziale sulle sanzioni amministrative previste per le violazioni delle disposizioni della divisione Vigilanza della Banca Centrale. Multe da un minimo di 1000 ad un massimo di 15 mila euro. A proposito di finanziarie, il governo ha deciso di esaminare le 17 richieste giacenti. Tre i rifiuti, una revoca di nulla osta, mentre 3 sono le finanziarie concesse. L’obiettivo e’ la creazione di settori diversi di operatività per le società del Titano e di conseguenza costi differenziati.