Logo San Marino RTV

Il semestre reggenziale appena concluso è stato quello della svolta

1 apr 2014
Il semestre regenziale appena conclusoIl semestre reggenziale appena concluso è stato quello della svolta
Il semestre reggenziale appena concluso è stato quello della svolta - Sarà ricordato come il semestre della svolta, quello appena trascorso. Con l'uscita della Repubblica...
Sarà ricordato come il semestre della svolta, quello appena trascorso. Con l'uscita della Repubblica dalla black list e la piena normalizzazione dei rapporti con l'Italia, che sarà sancita dalla prossima visita di Napolitano. Reggenza attenta agli scenari internazionali, ma anche costantemente vicina alla popolazione: partecipazione sentita al momento di difficoltà del Paese, che non è ancora alle spalle.
I Capi di Stato, Giancarlo Capicchioni e Anna Maria Muccioli, inaugurano il proprio mandato con un discorso che è un richiamo forte alla responsabilità nazionale e all'etica pubblica: per la Reggenza “veri indicatori di civiltà” che non possono essere messi in discussione da comportamenti che inficiano la legittimità e l'onorabilità delle istituzioni. Ribadendo l'autorità che gli deriva dagli antichi Statuti, assicurano la loro attenzione verso i più deboli, le famiglie in difficoltà, i disoccupati, i giovani, i portatori di disabilità.
Pochi giorni dopo, infatti, la visita al centro per disabili "Il colore del grano" che apre le porte ai cittadini come volontari o semplicemente ospiti per un pomeriggio.
E poi la partecipazione, in un Multieventi Sport Domus gremito, alla sesta Edizione supercoppa Martin Mancini, a sottolineare l'importanza decisiva dello sport nella valorizzazione delle diverse abilità.
Nel frattempo il Paese affronta un passaggio importante: il passaggio referendario sulla Scala mobile, ma soprattutto sull'Europa. Non verrà raggiunto il quorum. “Una battuta d'arresto nel cammino verso l'Unione” – secondo il Comitato per il si; per la parte contrapposta la vittoria di chi ha a cuore la sovranità nazionale. Fase delicata per la Repubblica; seguita con attenzione ed equilibrio dai Capi di Stato, nel loro ruolo di garanti della volontà dei cittadini.
Il 28 ottobre una visita di grande importanza: quella del ministro degli esteri cinese, Wang Yi, a San Marino, prima tappa in Europa. Ribadita la solidità dei rapporti e la piena parità di stati, piccoli e grandi, nella comunità internazionale. Dalla Reggenza ricordato il percorso di amicizia, dal 1971, nonché i valori irrinunciabili per San Marino: democrazia e difesa dei diritti umani.
Nell'udienza con i vertici della TV Maltese, la consapevolezza dell'importanza del settore delle telecomunicazioni e del legame tra Piccoli Stati. Una visita che si è conclusa con la firma di un accordo di collaborazione con l'emittente di Stato.
Oggi più che mai è necessario adoperarsi per far si che il nostro impegno nei confronti dell'infanzia sia quello di una società che pone la dignità e la protezione dei minori al di sopra di ogni altro interesse. Si chiude così il messaggio dei Capitani Reggenti, in occasione della giornata internazionale dell'infanzia. E l'appello della Reggenza si fa sentire anche il 24 novembre, per la giornata contro la violenza alle donne, con l'invito a non proporre rappresentazioni degradate della condizione femminile e ad insistere con forza sulla prevenzione.
Attesissimo, come da tradizione, il momento delle visite natalizie dei Capi di Stato alle scuole. Momento di gioia per bimbi e studenti, di crescita civica e vicinanza alle Istituzioni.
Dicembre è anche il mese in cui scompare uno degli uomini più importanti dell'ultimo secolo: Nelson Mandela. “Ha rappresentato e continuerà a rappresentare – scrive la Reggenza al Presidente sudafricano Jacob Zuma - il simbolo della lotta per la libertà”.
E poi la costante vicinanza a una delle categorie sociali più deboli e in difficoltà: gli anziani. Emozione e gratitudine, da parte degli ospiti dei centri diurni e ricreativi, della casa di riposo.
San Marino conta su un'eccellenza assoluta in campo assistenziale e geriatrico e pone l'attenzione per tradizione secolare alle proprie radici nel pieno rispetto del principio di solidarietà e sussidiarietà.
A Natale, e nel tradizionale messaggio di fine anno i Capitani Reggenti sottolineano l'importanza del valore della speranza, che – in periodo di crisi - dobbiamo contribuire a far crescere recuperando il senso della comunità e del vivere insieme.
Inizia il 2014, e a gennaio la Reggenza riceve una delegazione dello Yad Vashem, l'ambasciatore a disposizione in Israele e Asset Banca. Il centro di Gerusalemme elogia il governo e il popolo di San Marino per gli sforzi intrapresi e le risorse destinate a fare luce sulla sua storia nella seconda guerra mondiale.
Preludio della Giornata Internazionale della Memoria, per commemorare le vittime dell’Olocausto. “Nel ricordo della disumanità che ha portato alla Shoah – affermano i Capi di Stato - chiediamo che si rafforzi l’impegno per difendere, sempre e ovunque, il rispetto della dignità dell’uomo e il rifiuto di ogni forma di odio e di violenza”.
Il 3 febbraio i Capitani Reggenti ricevono una lettera dal Comandante superiore delle Milizie, Rosolino Martelli, che annuncia che a fine mese lascerà la carica per motivi personali.
Nel frattempo proseguono le visite, in Repubblica, di personaggi prestigiosi della politica italiana. Fondamentale, alla luce di ciò che accadrà a breve, è quella del Ministro per lo Sviluppo Economico, Flavio Zanonato. Si parla della concretizzazione del Parco Scientifico e Tecnologico, un progetto sulla carta da lungo tempo. Ma è nel corso dell'udienza con la Reggenza che si intuisce che qualcosa di decisivo, in tema di cooperazione tra i 2 Paesi, è nell'aria.
E la notizia più attesa arriva infatti qualche ora dopo. 12 febbraio: San Marino è fuori dalla Black list. In tarda serata arriva la nota del Mef sull'avvenuta firma del decreto da parte del ministro Saccomanni. L'economia sammarinese può tornare a respirare; gli imprenditori a gareggiare ad armi pari con i colleghi italiani.
Sempre a febbraio si rinnova l'amicizia con la comunità francese. Sul Titano il sindaco di Pont à Ventin – Bernard Ogiez - che riceve dalla Reggenza l'onorificenza di Cavaliere dell'Ordine equestre di san'Agata. Ad un ex Reggente – Gianfranco Ugolini - è intitolato un parco del piccolo paese della Normandia
Il 10 marzo San marino è in lutto. Muore Bruno Muccioli: padre del Capitano Reggente Annamaria.
78 anni, era malato da tempo. Viveva a Chiesanuova ed era in pensione dopo essere stato imprenditore edile. Dalla politica, e dalle istituzioni sammarinesi, profondo cordoglio
Passano 8 giorni. Dopo l'uscita dalla black list un altro segnale decisivo, dall'Italia. E' ufficiale: il 5 giugno il Presidente Giorgio Napolitano verrà in visita ufficiale a San Marino. L'invito era stato rinnovato all'inizio del secondo mandato settennale. L'ultima visita in Repubblica, di un Capo dello Stato italiano, 24 anni fa, con Francesco Cossiga.
E si arriva al 20 marzo. La San Marino RTV ha l'onore di ricevere la visita dei Capitani Reggenti, a testimonianza del grande interesse e vicinanza delle istituzioni alla realtà radiotelevisiva del Titano.
Nel congedarsi dalla carica i Capitani Reggenti hanno parlato di questo semestre come di “un viaggio emozionale”, che ha dato loro l'opportunità di conoscere e visitare le tante potenzialità di un paese piccolo solo nelle dimensioni. L'agenda delle priorità è chiara: sostegno ai lavoratori, ai disoccupati, alle famiglie in difficoltà, e formazione dei giovani. “La sfida del futuro – hanno ricordato - passa attraverso investimenti nell'istruzione e nella formazione culturale”.