Logo San Marino RTV

Tensioni in tribunale: un pool di magistrati per fare chiarezza

11 feb 2006
Tensioni in tribunale: un pool di magistrati per fare chiarezza
Toccherà ad un pool di saggi cercare le soluzioni idonee a ristabilire all’interno del Palazzo di Giustizia, quel clima di serenità auspicato da tutti. Lo ha deciso all’unanimità la Commissione Consiliare Affari di Giustizia ritenendo necessario ritrovare al più presto le condizioni per superare una fase di difficoltà manifestata in Tribunale. L’ordine del giorno approvato dal Consiglio Grande e Generale il 27 gennaio scorso aveva evidenziato la delicatezza del momento e il rischio di una perdita di prestigio e autorevolezza della magistratura attraversata da una serie di tensioni. Di qui la decisione di affidare proprio alla commissione il compito di affrontare la questione. L’organo parlamentare prossimamente nominerà 3 alti magistrati e conferirà loro il mandato per individuare i percorsi che portino ad una pacificazione fra i giudici del tribunale. I 3 saggi saranno scelti fra i 5 che compongono i gradi superiori di giudizio: i due di terza istanza, cioè Lamberto Emiliani e Salvatore Sesta, e i tre giudici d’appello Nobili, Brunelli e Ferroni. Il Segretario di Stato alla giustizia proporrà alla Commissione i nominativi nel corso della prossima riunione, già prevista fra una decina di giorni. Quella che i tre alti magistrati compiranno sarà una ricognizione ad ampio raggio, un approfondimento dei problemi manifestati, per avanzare successivamente suggerimenti e proposte che possano contribuire a ricreare condizioni di maggiore serenità e collaborazione. Questo nel pieno rispetto dell’autonomia della magistratura, delle competenze e dei poteri dei diversi organi, senza alcuna interferenza nell’attività ordinaria del tribunale e del magistrato dirigente. Una decisione condivisa dall’intero arco politico della Commissione, unica astensione quella del Consigliere Giuseppe Rossi, in conseguenza del suo coinvolgimento personale nell’intera vicenda. Soddisfatto il presidente, Alberto Cecchetti, che ha evidenziato il senso di responsabilità dimostrato da tutte le forze politiche.