Logo San Marino RTV

Coppi e Bartali, 4^ tappa: Robeet la spunta in volata

Bruciati Bjerg e Mosca al termine di una fuga cominciata dopo il primo traguardo volante. Hamilton resta al comando.

di Riccardo Marchetti
30 mar 2019
Ludovic Robeet
Ludovic Robeet

L'ennesima tappa “circolare” di questa Settimana Coppi e Bartali si apre e si chiude a Crevalcore, un tracciato di 171,4 km di cui un terzo di prova in linea, seguita da un circuito da ripetere 9 volte. Se nella generale resta tutto uguale – Hamilton comanda coi soliti 16" su Howson e guadagna sugli altri inseguitori– il vincitore di tappa cambia di nuovo. Stavolta tocca a Ludovic Robeet, che svernicia in volata Bjerg e Mosca dopo una fuga cominciata col primo traguardo volante. A prendere il largo sono in 7, 8 quando si aggiunge Di Sante. Tra questi c'è Sterbini, che aggiudicandosi tre dei cinque traguardi volanti porta a casa il Trofeo Frazioni.


Il vantaggio dei battistrada arriva anche a 8', ma con l'inizio del circuito comincia a calare drasticamente. Con la Caja Rural a guidare l'arrembaggio il gruppo scende fin sotto il minuto, così i fuggitivi, sentendo il fiato sul collo, danno il via alle manovre. Stosz allunga ma è un fuoco di paglia, perché quando sta per finire il penultimo giro Bjerg, Robeet e Mosca lo scavalcano in fretta e s'avviano in solitaria, trainati dagli strappi del danese. La forbice con gli altri s'allarga fino al minuto e che a trionfare sarà uno del trio, ormai, è certezza. La bagarre scatta a 2 km dal traguardo: Bjerg attacca tre volte e tre volte fa cilecca, con Robeet che gli si incolla sornione e infine lo beffa. È il 4° vincitore diverso in 4 tappe: se il continuo variare sarà una costante definitiva lo si saprà domani, quando la Settimana si chiuderà coi 153,4 km della Fiorano Modenese-Sassuolo. Alla quale Hamilton si presenta con 16" su Howson, 23" su Schulz, 29" su Landa e 33" su De La Cruz e Van Baarle.