Logo San Marino RTV

Stadi: la Lega Pro si rifà il look

1 apr 2014
Stadi: la Lega Pro si rifà il look
Stadi: la Lega Pro si rifà il look
Un incontro dedicato al tema dell'impiantistica conclusosi con la sigla della convenzione tra la Lega Pro e la Kss, una delle principali compagnie di progettazione del Regno Unito specializzata nella realizzazione di impianti sportivi. La prima 'Giornata sull'impiantistica sportiva', organizzata allo stadio Olimpico di Roma dalla terza lega italiana di calcio assieme alla Coni Servizi, ha dato i suoi frutti e ha offerto l'occasione per conoscere meglio la legge voluta dal Governo Letta, e in vigore dal 27 dicembre. ''Apprezzo queste iniziativa - dice il presidente del Coni, Giovanni Malagò - perché la Coni Servizi sulla carta è il miglior partner per costruire un nuovo percorso per i prossimi 10 anni sulla base della nuova legge''. Una norma che non è piaciuta ai club di serie A. ''La Roma, con un progetto importante e ambizioso, utilizza le opportunità della legge per andare a dama prima possibile - evidenzia però il numero uno dello sport italiano -. Forse, per i loro interessi, le grandi società si aspettavano di più sull'aspetto della non contiguità e della residenzialità ma sono in grado di utilizzare questa legge senza avere lacci e lacciuoli che preservano i privilegi di qualcuno''. ''Prima avevamo il problema della legge, ora e' superato e dalle parole occorre passare ai fatti e la Coni Servizi si è attrezzata per essere al fianco di realtà come la Lega Pro'', dice il presidente della 'cassaforte' del Comitato Olimpico, Franco Chimenti. E i rappresentanti della terza Lega colgono l'occasione per distinguersi dalle leghe maggiori. ''La Lega Pro farà gli stadi - assicura il presidente, Mario Macalli-. Vogliamo avere un'impiantistica più consona alla tradizione e al volere delle nostre società. Senza barriere, per ricreare un calcio diverso''. ''Siamo la Lega del fare, non del faremo - aggiunge il dg Francesco Ghirelli -. Lo stadio è la priorità tra le priorità nel nostro lavoro quotidiano. Dopo la riforma dei campionati ci siamo posti di fare qualcosa in più: il piano industriale della Lega Pro, con management, obiettivi attesi, evoluzione delle variabili chiave. Questo significa fare sistema''. E' del Castel Rigone il "case history" presentato, ma anche L'Aquila ha in costruzione il suo impianto senza barriere. Altre 14 società (Como, Cremonese, Pavia, Frosinone, Pro Vercelli, Vicenza, Virtus Entella, Bassano, Chieti, Aversa Normanna, Prato, Sorrento, Spal e Carrarese) poi sono pronte ad aderire al progetto di adeguamento, attingendo magari ai finanziamenti dell'Istituto per il Credito Sportivo. "La domanda sugli impianti e' forte - sottolinea il commissario, Paolo D'Alessio -, e con il supporto della Legge 147 sull'impiantistica sportiva si può procedere''. ''E' una formidabile occasione per lo sport italiano - rileva il dg della Coni Servizi,Michele Uva -. Un grande successo per colmare un gap indiscutibile a livello europeo''.
(ANSA)