Logo San Marino RTV

Allarme caldo: livello 2, possibilità di elevato pericolo

25 giu 2008
Sole
Sole
Non ci sarà tregua fino alla serata di giovedì, con l’arrivo di correnti di origine atlantica. Intanto l’ondata di calore che ha colpito la penisola, da nord a sud, toccherà temperature molto alte, per il permanere di un campo di alta pressione di origine africana. Inevitabili le situazioni di disagio nelle aree urbane; maggiormente protette dalla calura invece le zone costiere, di solito più ventilate. Anche a San Marino sono giorni “bollenti”: sono come sempre i Castelli nella parte bassa del territorio ad essere più colpiti dall’afa. In certi casi ad avere la peggio sono anziani e bambini. Informarsi dunque sui rischi che la calura estiva può procurare all’organismo è molto importante, adottando pochi ma efficaci accorgimenti per stare meglio. Innanzitutto, evitare di uscire e, ancor più, svolgere attività fisica nelle ore più calde della giornata, dalle 12:00 alle 16:00. Vivere in un ambiente rinfrescato da ventilatori o condizionatori, che contribuiscono a ridurre l’umidità nell’aria.
Naturalmente, bere molti liquidi – almeno due litri al giorno, di più se si svolge attività fisica – per reintegrare le perdite di sali minerali, evitando però bevande gassate, zuccherate e troppo fredde; queste ultime contrastano con la temperatura corporea e potrebbero provocare congestioni; vanno evitate inoltre bevande alcoliche e caffè che, aumentando la sudorazione e la sensazione di calore, contribuiscono alla disidratazione. Si consiglia di fare pasti leggeri, preferendo pasta, frutta e verdura a carne e fritti. Infine è preferibile indossare indumenti chiari, non aderenti, di cotone o lino: le fibre sintetiche infatti impediscono la traspirazione.