Ferie ad hoc per ogni mestiere

30 lug 2009
ferie
Manager, impiegati, casalinghe, medici, giornalisti o commercianti tipologie diverse di professione per persone diverse che prima di partire dovrebbero riflettere su dove andare a rilassarsi perché il riposo significa rompere gli schemi abituali e fare l’opposto di ciò che si fa normalmente. E allora ecco il memorandum ad hoc per una vacanza ad hoc. I dirigenti e i manager in ferie devono abolire l’orologio, riscoprire ritmi lenti e la libertà di scegliere cosa fare o non fare e decidere di volta in volta in base ai desideri. Le massaie che nel corso dell’anno si prendono cura degli altri, recita il memorandum, trovano invece relax nell’essere servite e riverite. Niente piatti da lavare, tavole da apparecchiare, cibo da cucinare. Al bando le faccende domestiche, si invece alla fantasia. Gli impiegati, che svolgono un lavoro tranquillo, devono evadere dalla routine, tuffarsi nelle mille attività di un villaggio turistico o in strutture che propongono varie attività con la possibilità di fare nuovi incontri. Diverso il discorso per i medici, categoria sempre sotto stress. A loro è consigliata la vacanza solitaria che non li costringa alla socializzazione meglio se in un centro benessere, circondati da chi può occuparsi di loro e possa aiutarli a rilassare mente e corpo. Ai giornalisti è consigliata la fuga in un paese esotico, lontano da internet, dal computer, dalla notizia inseguita e cercata. Una tregua insomma dalle sollecitazioni causate dalla professione e dalla innata curiosità. Infine i commercianti. Anche a loro è consigliato scappare in un posto sperduto, lontano dallo stress dal denaro, dalla cassa. Meglio un contatto con la natura per riscoprire il valore delle cose semplici.

Myriam Simoncini