Logo San Marino RTV

Giornata Mondiale dell'Ambiente: gli impegni del Titano

5 giu 2016
Giornata Mondiale dell'Ambiente: gli impegni del TitanoGiornata Mondiale dell'Ambiente: gli impegni del Titano
Giornata Mondiale dell'Ambiente: gli impegni del Titano - La Giornata mondiale dell'Ambiente dedicata quest'anno dalle Nazioni Unite alla lotta al traffico di...
Tutela dell'ambiente, benessere della popolazione. Queste – sostiene la segreteria di Stato al Territorio – le linee guida di alcune iniziative che il Titano sta portando avanti, dopo l'approvazione – lo scorso settembre – dell'Agenda ONU 2030 per lo sviluppo sostenibile; senza dimenticare gli impegni assunti con la firma dell'Accordo sul Clima di Parigi. Si ricorda allora che – entro l'estate – ci sarà il via libera al decreto delegato per la riqualificazione energetica ed impiantistica degli edifici. Previsti – tra le altre cose – incentivi in caso di acquisti di apparecchiature a basso consumo ed impianti fotovoltaici. Decreto che fa seguito alle altre norme adottate negli ultimi anni in materia di efficientamento energetico, che hanno portato il Titano tra i primi posti in Europa per produzione di energia da fotovoltaico. Quanto all'agricoltura l'obiettivo della Segreteria è promuovere procedimenti più consoni al rispetto delle leggi biologiche degli esseri vegetali ed animali. Avviati studi, poi, in tema di mobilità sostenibile, sia con interventi sul parco auto dello Stato che con la creazione di una rete di colonnine elettriche pubbliche. Si pensa inoltre ad agevolazioni per l'acquisto di auto elettriche. La Segreteria ricorda anche la legge di riforma del Testo unico delle leggi urbanistiche ed edilizie, per la quale è in corso l'iter consiliare. Tutto ciò in occasione della Giornata Mondiale dell'Ambiente, istituita nel 1972 dall'assemblea generale dell'Onu, e dedicata quest'anno alla piaga del bracconaggio. Il mondo guarda con preoccupazione alle sorti di otto specie minacciate: orango, tigre, elefante, rinoceronte, tartaruga marina, pangolino, tra gli uccelli il bucero dall'elmo e, per la flora, il palissandro. Ma sono solo una piccola parte di quelle minacciate da individui ed organizzazioni senza scrupoli. Il bracconaggio, insieme con tutte le forme di appropriazione illegale di risorse naturali, ha un fatturato annuale di 213 miliardi di dollari e – stima il Wwf - rappresenta il quarto mercato criminale del Pianeta.