Logo San Marino RTV

Manutenzione stradale e verde pubblico: l’Università di San Marino raduna i professionisti del settore per un convegno

Il 20 febbraio a Riccione un evento che coinvolgerà gli operatori degli enti locali impegnati su questo fronte e non solo

17 feb 2020
Manutenzione stradale e verde pubblico: l’Università di San Marino raduna i professionisti del settore per un convegno

Verde pubblico e manutenzione stradale saranno al centro di un seminario curato dall’Università degli Studi della Repubblica di San Marino e in programma giovedì 20 febbraio dalle ore 8:30 al Palazzo del Turismo di Riccione. L’iniziativa è possibile grazie a una collaborazione che coinvolge l'Ateneo insieme al Comune di Riccione, l’Azienda Municipalizzata di Riccione per la Gestione Servizi per l'Ambiente e il Territorio (GEAT) e l’Azienda Autonoma di Stato per i Lavori Pubblici del Titano (AASLP). Fra i relatori saranno presenti accademici ed esperti di manutenzione stradale, valutazione ambientale, gestione del verde pubblico e aspetti normativi legati all’utilizzo di asfalto riciclato provenienti da realtà come l’Università Federico II di Napoli, l’Ateneo di Bologna, l’associazione Strade Italiane e Bitumi, l’Ufficio Gestione Risorse Ambientali e Agricole di San Marino e la Federazione Regionale Ordine Agronomi dell’Emilia-Romagna. L’appuntamento consolida un percorso avviato nel 2012 dal Corso di Laurea in Ingegneria Civile dell'Ateneo sammarinese con l'obiettivo di creare un punto di incontro e scambio fra istituzioni accademiche ed enti pubblici locali impegnati nella manutenzione stradale: “Questa lunga serie di approfondimenti sui temi dell’Ingegneria delle Infrastrutture - spiega dall’Università di San Marino il docente Andrea Grilli - ha proposto il nostro Ateneo come riferimento per il territorio rafforzando i rapporti con le amministrazioni locali di reti viarie. Oltre agli interventi in programma – prosegue – il 20 febbraio è previsto un dibattito che coinvolgerà il pubblico, per lo più composto da professionisti, per condividere le opinioni reciproche in modo funzionale. Lo scambio di informazioni e di servizi fra le amministrazioni, passando per la condivisione di esperienze che necessariamente implicano la valorizzazione delle professionalità interne, fa parte dei risultati che vogliamo raggiungere nell’interesse di tutte le realtà coinvolte”.