Logo San Marino RTV

Nps, Psd e Sammarinesi per la Libertà al lavoro per far rinascere il Partito Socialista

11 nov 2010
Nps, Psd e Sammarinesi per la libertà al lavoro per far rinascere il partito socialista
Nps, Psd e Sammarinesi per la libertà al lavoro per far rinascere il partito socialista
La sintesi più efficace è di Antonio Volpinari: "questa non è un’unificazione, non è una fusione. Si tratta di costruire ex novo un partito che ha più di 100 anni". Soprattutto - sottolinea Augusto Casali - non è una decisione di vertice. Non si vogliono rifare gli errori del passato. Qui la scelta arriva dalla base dei singoli partiti. Nessuna polemica per l’assenza del Psrs e di Arengo e Libertà. "Dobbiamo essere pazienti e generosi", dice Casali. Qualcuno ha bisogno di più tempo ma il nostro resta un percorso aperto. Questo progetto che, nelle intenzioni di tutti, deve accompagnarsi a un deciso rinnovamento della classe dirigente, tiene conto dei diversi ruoli di maggioranza e opposizione. Ma in vista delle prossime elezioni il Partito Socialista che sta per nascere vuole allearsi con la Democrazia Cristiana, con l’area cattolica e democratica del Paese. C’è bisogno dei partiti, è l’analisi. Il movimento che ha preso piede non ha prodotto risultati. "E la legge elettorale - sottolinea Monica Bollini - non ha risolto il problema della frammentazione". Oggi il Patto è composto da 9 entità distinte. Servono forze politiche che hanno nome e identità. Ma in questa scelta il Psd perderà dei pezzi? Denise Bronzetti pensa di no. "Ragioniamo da mesi", dice. "E le questioni individuali restano tali". Al Partito Socialista tocca recuperare il ruolo che la storia gli consegna. "E quando socialisti e democristiani hanno governato insieme - ricorda Casali - le cose per questo Paese andavano meglio". Oggi però ci si chiede con quali democristiani e quali socialisti allearsi. "Il Congresso della Dc - è la risposta - chiarirà la situazione". "La nostra ambizione - dice Gerardo Giovagnoli - è di formare il primo partito della Repubblica". E se il no del Psrs fosse dovuto alla presenza del Psd? "Sicuramente - replica Giovagnoli - per loro non è piacevole ritrovarsi con chi hanno appena lasciato. Ma sarebbe un errore lasciarsi guidare dai personalismi o - aggiunge - da tattiche per soluzioni di governo diverse".

Sonia Tura