Logo San Marino RTV

Riflettori di Rete sulla Giustizia: "La Reggenza va tutelata senza pressioni"

Dall'Aula alla Piazza: Rete inaugura il ciclo di incontri pubblici parlando anche di politica Estera. E sui candidati, anticipa: "Tante facce nuove"

di Monica Fabbri
16 ott 2019

E' uno dei temi più caldi, su cui si è consumato uno scontro feroce e che torna a dividere. La giustizia sta catalizzando la politica e non è un caso che sia stata scelta, assieme agli Esteri, come principale argomento di riflessione nel primo appuntamento con la cittadinanza. Rete inaugura quindi il percorso di avvicinamento alle elezioni puntando i riflettori su una questione spinosa, su cui si è consumato – dicono Matteo Zeppa ed Elena Tonnini– un forte scontro istituzionale. Sul tavolo la presa d'atto dei due giudici d'appello, le richieste del Dirigente del Tribunale, le sollecitazioni dell'ex maggioranza. “Non è tempo di forzature” – proseguono i due consiglieri - ribadendo concetti su cui concorda tutta l'opposizione: “C'è un Consiglio Generale sciolto, l'unica carica istituzionale effettiva è la Reggenza che va tutelata senza troppe pressioni”. Manca, poi, la relazione sullo Stato della giustizia del 2018. “Senza numeri – commenta Zeppa – non possiamo fare disquisizioni, non ci sono dati a supporto delle tesi del dirigente del tribunale”. Si è parlato anche di politica estera, con gli interventi di Giovanni Zonzini. Per Rete è prioritario ristabilire il rapporto con l'Italia, e nel rilancio del sistema, indica come strada maestra la collaborazione effettiva dei vari attori in causa.  Dall'Aula alla Piazza vuole portare la politica in mezzo alla gente, approccio che Paolo Rondelli invita a perseguire. Domani sera è previsto un nuovo incontro pubblico mentre venerdì verranno raccolte le firme per la presentazione della lista. Nella frammentazione generale in cui manca un quadro politico chiaro, “noi – dice Rete - siamo quasi pronti con i ragazzi di Motus Liberi”. Il programma è stato condiviso da mesi e sui candidati un'anticipazione: “Ci saranno tante facce nuove”.