SCIA: piena operatività dal 27 marzo

19 mar 2019
SCIA: piena operatività dal 27 marzo - Sentiamo il Segretario Andrea Zafferani che spiega la Segnalazione certificata di inizio attività
Un altro passo nel processo di sburocratizzazione e velocizzazione del rapporto fra PA e imprese, con particolare riguardo a chi voglia avviare una attività. Con la SCIA, gli imprenditori potranno certificare il possesso dei requisiti necessari per ottenere permessi e autorizzazioni.
Definiti nel dettaglio gli ambiti e gli atti che possono essere sostituiti dalla SCIA: licenze perle attività economiche; autorizzazioni o certificazioni in ambito edilizio e urbanistici, ambientale e della tutela della salute. Operativa dal 27 marzo, uffici al lavoro per predisporre la modulistica.

Un cambio culturale necessario in due direzioni: per gli uffici, a cui spetterà il controllo e la verifica della conformità dei documenti non più in via preventiva ma ex post; per le stesse imprese chiamate a cogliere le opportunità dello snellimento nel fare impresa.
Dopo il decreto per la semplificazione nella presentazione del bilancio dello scorso gennaio (bilancio in formato XBLR e su questo Zafferani sottolinea il confronto positivo avuto con commercialisti ed avvocati per trovare soluzioni concreti), annuncia entro fine aprile nuovi provvedimenti in materia di licenze e società (relativi, per esempio ai tempi per assolvere gli obblighi di versamento del capitale sociale, o al tema dello stesso oggetto sociale, rimodulazione della tassa di licenza). Sullo sfondo, i parametri fissati e verificati annualmente dal Doing Business, e nell'obiettivo di riposizionare San Marino nella classifica che l'agenzia stila.

Sentiamo il Segretario Andrea Zafferani che spiega la Scia

Vai alla Relazione al “Regolamento attuativo degli articoli 42 e 43 della legge 7 agosto n.94 in materia di segnalazione certificata di inizio attività