Logo San Marino RTV

WRC, Rally Messico: assolo di Ogier, paura per Lappi

Il francese è ancora in testa dopo 14 prove speciali. Secondo il finlandese Suninen mentre il suo connazionale Lappi è costretto al ritiro dopo un incendio scoppiato all'interno della sua Fiesta. Male Neuville per problemi al motore.

di Alessandro Ciacci
14 mar 2020
@motorbox

Come sempre il Mondiale Rally regala spettacolo e colpi di scena ed anche la tappa sullo sterrato messicano non fa eccezione. Partendo dalle certezze, c’è ovviamente Sebastien Ogier. Il francese – alla ricerca della sesta affermazione nel Centro America – si è preso la testa della generale alla quarta prova speciale e non l’ha più lasciata. E dopo 14, il pilota della Toyota conserva un vantaggio di 28 secondi sulla sorpresa, il finlandese Teemu Suninen su Ford.

Non è andata bene invece al connazionale e compagno di scuderia Esapekka Lappi. Nello stage 7 la Fiesta è finita letteralmente in fiamme dopo un incendio scoppiato al controllo orario. Fortunatamente nessuna conseguenza per l’equipaggio, solo tanto spavento. Nella “ruota della sfortuna” ci è entrato, a suo malgrado, anche Thierry Neuville che ha accusato problemi al motore della sua Hyundai ed ora ha un ritardo di oltre 41 minuti dalla vetta.

Chi cerca di tenere alto il nome della casa coreana è il campione del mondo in carica Ott Tanak. L’estone è terzo con circa 7 secondi di vantaggio sull’altra Toyota di Elfyn Evans, quarto e vincitore del precedente round in Svezia. Perde contatto dal podio il giovane prodigio Kalle Rovampera, quinto ad un minuto e 10 secondi da Ogier.