Logo San Marino RTV

Sicurezza, parola d'ordine dell'estate romagnola

11 ago 2017
Sicurezza, parola d'ordine dell'estate romagnola
Sicurezza, parola d'ordine dell'estate romagnola - A Riccione tolleranza zero verso i 'locali fuorilegge'; a Rimini arrestate tre persone per rapina
Sicurezza parola d'ordine dell'estate. Controlli serrati a Rimini, Riccione ribadisce la tolleranza zero verso i locali che non rispettano le regole

Riccione potenzia i controlli per gli eventi turistici, estendendo al Marano il divieto di vendita per asporto di ogni tipo di bevanda contenuto in bicchiere, confezioni o bottiglie di vetro. Insomma rispettare le regole è fondamentale e non si fanno eccezioni: tanto che un noto bar di viale Dante, arrivato alla sua quarta violazione, è stato chiuso da oggi al 18 agosto per non avere rispettato la normativa che riguarda la musica.
La sicurezza priorità anche dell'estate riminese. Ieri la polizia ha arrestato tre persone per rapina, due uomini e una donna, tutti residenti tra la provincia di Novara e Varese di età compresa tra i 25 e 36 anni. Ad attirare l’attenzione dei poliziotti della Questura di Rimini impegnati in un servizio di controllo in via Vespucci, una lite fuori dal “Conad” tra personale del supermercato ed il gruppetto poi tratto in arresto, che nonostante la presenza dei poliziotti ha mantenuto un atteggiamento aggressivo e minaccioso. I tre si erano rifiutati di pagare una bottiglia che avevano fatto cadere all'interno del supermercato, ed alle proteste dei vigilantes hanno risposto con le maniere forti: la donna in particolare ha aggredito l'addetto alla sicurezza spintonandolo, colpendolo con una bottiglia di Coca-Cola per poi prenderlo a morsi. I poliziotti sono intervenuti ed hanno trovato sotto la gonna della ragazza un salame preso tra gli scaffali. Gli agenti hanno arrestato i tre, in evidente stato di alterazione, per rapina: i ragazzi sono stati associati presso la locale casa circondariale, la donna a Forlì.