Logo San Marino RTV

Bcsm: Moretti rimosso all'unanimità dal Direttivo, se ne va 'sbattendo la porta'

22 set 2018
BcsmBcsm: Moretti rimosso all'unanimità dal Direttivo, se ne va 'sbattendo la porta'
Bcsm: Moretti rimosso all'unanimità dal Direttivo, se ne va 'sbattendo la porta' - Luci accese ai piani alti di Banca Centrale, quasi fino all'alba...
Luci accese ai piani alti di Banca Centrale, quasi fino all'alba. Dopo oltre 15 ore di confronto infuocato, il Consiglio Direttivo di Banca Centrale ha deliberato la revoca con effetto immediato del Direttore Generale Roberto Moretti. Allontanamento che poteva avvenire solo all'unanimità, come stabilito dall'articolo 14 comma 6 dello Statuto (Legge 96/2005), e così è stato, segno inequivocabile della compattezza registrata in seno al Direttivo. La decisione è stata ufficializzata da Bcsm attraverso uno scarno comunicato sul proprio sito internet. Una riunione particolarmente movimentata sul finale: udite anche delle urla fuori dall'edificio, con l'ormai ex Direttore che lasciava la sede di Via del Voltone piuttosto infuriato. E' il quarto Dg a saltare in meno di un anno. Sotto accusa l'operato di Moretti degli ultimi mesi, passato al setaccio dal Consiglio Direttivo intenzionato a proseguire nella sua funzione di controllo a tutela della Banca e nell'interesse generale del Paese. Non si esclude che il dirigente rimosso possa presentare ricorso contro la revoca e nemmeno la possibilità che si possano aprire, di qui in avanti, nuovi scenari. Nel frattempo è ormai certo che ad assumere l'interim della Direzione Generale sia Raffaele Mazzeo, attualmente ispettore del Coordinamento di Vigilanza. “Né io, né i membri del Consiglio Direttivo intendiamo aggiungere altro rispetto a quanto appare nel comunicato – fa sapere il Presidente Bcsm, Catia Tomasetti - ciò in ragione del rispetto dovuto al ruolo di Direttore Generale ma, soprattutto, al rispetto dovuto alla Banca Centrale che siamo onorati di rappresentare”. Sulla vicenda - con una nota - interviene anche il Governo che manifesta “sin da ora rispetto e attenzione per la decisione assunta in totale autonomia e indipendenza dal Consiglio Direttivo di Banca Centrale nell’esercizio delle sue funzioni”, ma al contempo esprime “la propria preoccupazione per la situazione di persistente instabilità all’interno dell'istituto”, annunciando che “per acquisire gli elementi conoscitivi necessari e successivamente per informare il Consiglio Grande e Generale, nella prossima seduta del Congresso di Stato saranno svolti una serie di approfondimenti”.

sp