Logo San Marino RTV

Dipendenti PA: prosegue lo stato di mobilitazione

12 apr 2018
Dipendenti PA: prosegue lo stato di mobilitazione
Dipendenti PA: prosegue lo stato di mobilitazione - La decisione, al termine delle assemblee del pubblico impiego dedicate all'analisi del documento sul...
Chiare le aree di spreco, chiari gli elementi che hanno portato alla crisi - in testa, il salvataggio del settore finanziario per centinaia di milioni di euro.
Chiedono giustizia e misure di reale equità fiscale i lavoratori della PA, di fronte al permanere di intere categorie che contribuiscono “poco o nulla - segnalano - al mantenimento dello Stato e dei suoi servizi, dalla scuola alla sanità”. Riforma del fisco che sia efficiente: è “un dovere di questo governo – osservano - retto da una maggioranza che ha vinto le elezioni con il patto implicito di inaugurare il cambiamento, difficile ma equo, nella distribuzione delle difficoltà”.
Con un contratto di settore fermo da 10 anni, dicono no ad altre misure recessive, per gli effetti negativi che portano sull'economia: “Le quasi 4000 famiglie nelle quali entra uno stipendio pubblico - scrivono le federazioni di settore di Csdl e Cdls – hanno rappresentato in questi anni di crisi, una garanzia di liquidità. Tutelare questi stipendi è tutelare l'economia del Paese”.
Dalla spending review alla riforma della PA, che - lamentano i dipendenti – “pare studiata sulla carta, senza approfondimento sulle singole realtà o conoscenza effettiva dei carichi di lavoro”.
Stato di mobilitazione che prosegue e mandato alle Federazioni CSU di convocare l'Attivo dei rappresentanti sindacali di settore, per decretare ulteriori iniziative.