Logo San Marino RTV

Depositate le risposte alle interpellanze dell'opposizione sul Joseph

25 mag 2007
Le risposte saranno consegnate agli interpellanti lunedì, ma le tre segreterie di Stato interessate, ossia esteri, industria e lavoro, le hanno depositate oggi alla segreteria istituzionale.
Sono le risultanze dei controlli effettuati al Joseph Club, finito di nuovo nel mirino dell’opposizione che ha mostrato alla stampa un filmato ricevuto in forma anonima.
I sospetti sono gravi: si parla di agevolazione e induzione alla prostituzione, e difatti Nuovo partito socialista, Noi sammarinesi, Popolari e Democrazia cristiana hanno promesso che a giorni presenteranno denuncia alla magistratura.
Nel frattempo, pare che le risposte delle segreterie di Stato abbiano evidenziato come al Joseph, attualmente, lavorino 4 dipendenti, tra sammarinesi e frontalieri. In passato ne aveva altri 3.
A quanto sembra, non più tardi di una decina di giorni fa risulta siano state sanzionate dall’ufficio del lavoro, poiché trovate non in possesso di regolari permessi, anche 8 ragazze provenienti dall’est Europa. E in passato erano state bloccate anche altre richieste di permesso di soggiorno, da parte della Polizia civile e dell’ufficio stranieri della gendarmeria.
Riguardo l’oggetto sociale, secondo l’ufficio industria l’attività è inerente: il Joseph è ristorante, e può svolgere attività ricreative musicali e culturali. Non può più svolgere attività da discoteca, ma pare che questa sia stata sospesa da tempo. All’interno del locale può esservi musica di sottofondo, a basso volume, come accade in ogni night club o pub.
Riguardo l’accusa più grave mossa dall’opposizione, di induzione o agevolazione alla prostituzione, si attende che la magistratura si muova autonomamente o dietro denuncia già annunciata dai partiti di minoranza.