Logo San Marino RTV

Goleada Tre Penne, con il San Giovanni è 7-2

Settebello dei biancazzurri di Stefano Ceci. A segno Sorrentino e Ceccaroli con una doppietta a testa oltre alle reti di Rossi, Gai e Patregani. Per i rossoneri i "gol della bandiera" di Tasini e Giannessi.

di Alessandro Ciacci
5 ott 2019
Goleada Tre Penne, con il San Giovanni è 7-2
Goleada Tre Penne, con il San Giovanni è 7-2

Per chi si "lamentava" di un Tre Penne vincente ma legato agli 1-0 e al poco spettacolo, eccola la risposta dei campioni in carica. Magnifico settebello dei biancazzurri di Stefano Ceci, squalificato e sostituito in panchina da Bertoni. Il San Giovanni non può nulla e già al 4’ deve rivedere i propri schemi di gioco per l’uscita dal campo di Enea Senja per infortunio. La bufera Tre Penne inizia già all’11’: punizione di Semprini, capitan Rossi ci mette la punta, anticipa tutti e batte Baschetti per il vantaggio Città. Il 2-0 nasce, poi, da un’ingenuità di Bernardi: Gai gli scippa la sfera e, con la complicità di Cibelli, l’appoggia a Sorrentino che tutto solo mette dentro. Anche il tris nasce da un’errore di Bernardi. Da destra a sinistra in una manciata di secondi il Tre Penne, Ceccaroli si invola e il diagonale mancino è vincente. Il primo tempo riserba ancora qualcosa: Gai aziona l’ennesimo contropiede ed appoggia a Genestreti che non chiude il coast to coast verso la porta ma serve ancora una volta Sorrentino che fa 4-0, secondo gol in fotocopia e doppietta personale. Ceccaroli prova ad imitarlo sul no-look di Gai ma alza troppo la mira.

Si dice che ci sia sempre una quiete dopo la tempesta, evidentemente non è così per il San Giovanni nella ripresa. Passano solo 35 secondi quando il rinvio di Baschetti trova il petto di Gai per il 5-0 Tre Penne. I rossoneri di Paolo Baffoni hanno il merito di provare ad impensierire la retroguardia biancazzurra e la bella volèe di Tasini ne è la dimostrazione, sfera all'angolino e Migani non ci arriva. Ora quasi ogni avanzata è un gol, fatta eccezione per il tentativo a botta sicura di Ugolini respinto proprio da Migani. Dall'altra parte, invece, Perrotta è una spina nel fianco: cross tagliato per Luca Ceccaroli e seconda rete di serata pure per l'ex Domagnano con una girata di prima intenzione. Nel finale c'è gloria anche per il “Puma” Luca Patregnani, tap-in facile facile su un'altra pregevole assistenza di Perrotta. E pregevole è pure il definitivo 7-2 del San Giovanni, griffato Giannessi: grande botta dai 25-30 metri con palla all'incrocio dei pali. 3 vittorie su 3, 9 punti e Q1 ipotecato: la marcia del Tre Penne sembra inarrestabile.