Logo San Marino RTV

Giustizia, il Segretario Ugolini a Close Up: "Allontanamento del magistrato dirigente ha scatenato un conflitto”

14 feb 2020
La prima pagina di Repubblica.sm
La prima pagina di Repubblica.sm

È stato fra i temi più discussi nella passata legislatura e nella campagna elettorale. La giustizia al centro dell'ultima puntata di Close Up, ripresa a piena pagina dall'edizione odierna di Repubblica.sm. Ospite del Dg Carlo Romeo, il Segretario di Stato Massimo Andrea Ugolini secondo cui “la vera sfida sarà capire come correggere degli errori politici non piccoli, prendendo in esame ogni forzatura avvenuta nella precedente legislatura, quando le leggi – afferma – sono state tirate troppo”. E il riferimento, esplicito, è all'allontanamento del magistrato dirigente “che ha scatenato un conflitto nella magistratura”. Questo, secondo il Segretario Ugolini, il peccato originale da cui “tutto è cominciato”.

Magistrati che vanno “maggiormente responsabilizzati”, “messi nelle condizioni di lavorare nei migliori dei modi”, ma che devono anche dare “riscontro del proprio lavoro”, puntualizza il Segretario che sottolinea come, ad oggi, non ci sia “nessuna azione di richiamo intermedia”. Si passa quindi dalla più completa impunità all'espulsione con l'azione di sindacato. Si è parlato poi dei tempi della giustizia che sarebbe importante fossero definiti “almeno per il civile”, rimarca Ugolini, mentre “sul penale le riflessioni sono più delicate”.

Il Dg Romeo, nella puntata, ha fatto poi riferimento ad una lettera recapitatagli in ufficio. All'interno due elenchi di avvocati, descritti come “vicini a questo o a quel magistrato”. Segnale di un tribunale diviso, composto da “fazioni”, commenta Repubblica.sm. Lettera subito cestinata da Romeo e che, secondo il Segretario Ugolini, “lascia il tempo che trova”. Ma che corrobora un pensiero comune, dentro e fuori dall'Aula, di un tribunale non unito.