Logo San Marino RTV

San Marino: avviata fase di pre-trattamento dei rifiuti e indicati due nuovi siti di smaltimento

31 gen 2014
San Marino: avviata fase di pre-trattamento dei rifiuti e indicati due nuovi siti di smaltimento
San Marino: avviata fase di pre-trattamento dei rifiuti e indicati due nuovi siti di smaltimento
Le Segreterie di Stato per il Turismo e i Rapporti con l’AASS e la Segreteria di Stato per il Territorio e Ambiente e intendono informare la popolazione in merito all’implementazione della nuova fase di gestione dei rifiuti urbani. Dopo alcuni mesi in cui i rifiuti indifferenziati venivano conferiti ad un impianto di Ravenna per operazioni di recupero, nelle ultime settimane l’AASS ha avviato un’attività di pretrattamento dei rifiuti raccolti attraverso un impianto di trito vagliatura che consente di produrre due frazioni distinte, il secco e l’umido. Tramite propria deliberazione del 23 dicembre scorso la Regione Emilia Romagna ha indicato come nuovi siti di destinazione l’ impianto di Imola per l’umido e l’impianto di Sogliano Ambiente per il conferimento della frazione secca: in entrambi i casi i rifiuti sono destinati ad operazioni di recupero nel pieno rispetto della circolare ministeriale italiana dell’agosto scorso. Ciò in attesa che la Regione vari il piano di gestione dei flussi a livello regionale e che quindi vengano indicati per San Marino siti che rispondano maggiormente ad un criterio di prossimità geografica e dunque ad una maggiore economicità. Si precisa che il conferimento dell’umido a Imola è già iniziato, mentre per quanto riguarda quello del secco, al momento si sta attendendo che la provincia di Forlì espleti le procedure burocratiche che consentano l’apertura dell’apposita notifica. Tali procedure, per scelte autonome della Provincia di Forlì, stanno richiedendo tempi maggiori rispetto ad altre realtà e questo comporterà alcuni giorni di stoccaggio dei rifiuti secchi (che non rilasciano né percolati né odori) nel sito di San Giovanni.
L’attuale fase di gestione dei rifiuti, che rende San Marino più virtuosa nella gestione dei rifiuti, vedrà la contemporanea pianificazione dell’estensione della raccolta domiciliare che a breve verrà discussa da parte dell’AASS anche nell’ambito dell’Osservatorio sui Rifiuti, ciò nell’ottica di spostare il processo di differenziazione dei rifiuti da valle a monte, grazie al sistema porta a porta, e di rendere San Marino in linea con le buone pratiche europee.

Comunicato stampa
SEGRETERIA DI STATO
TURISMO E RAPPORTI CON L’A.A.S.S.
SEGRETERIA DI STATO
TERRITORIO E AMBIENTE