Logo San Marino RTV

Carte contactless: rischio di furti 'elettronici'? T.Pay risponde

Tra gli utenti c'è chi è preoccupato per la sicurezza. Gli esperti danno allora spiegazioni e dritte per evitare ansie

di Mauro Torresi
19 feb 2020

Aumenta la facilità di pagamento, ma allo stesso tempo crescono i dubbi dei consumatori sulla sicurezza della tecnologia contactless, cioè quel metodo che consente di pagare semplicemente appoggiando carta, bancomat o il cellulare, se abilitato, sul lettore di schede di negozi e attività. Dai cittadini arrivano soprattutto preoccupazioni per il possibile rischio di essere derubati nel caso in cui qualche malintenzionato si avvicinasse troppo alla borsa con un dispositivo nascosto sotto ai vestiti.

Il web è pieno di articoli su 'costi' e benefici dei nuovi strumenti. Prima di tutto, bisogna capire se la propria carta abbia questa funzionalità: sulla superficie deve essere stampato il logo del contactless. Funzione presente anche nelle carte sammarinesi. Abbiamo quindi chiesto a T.Pay la fondatezza, o meno, dei dubbi sulla sicurezza. L'istituto spiega che, in realtà, è difficile che un malvivente possa rubare del denaro accostandosi alla persona, perché dovrebbe letteralmente appoggiare il suo dispositivo per un certo periodo di tempo alla carta. Bisogna poi aggiungere che la tecnologia è consentita solo per piccoli importi, al di sopra dei quali è necessario inserire il codice pin.

Chi vuole essere totalmente al sicuro può acquistare un portafogli o apposite bustine che schermano la carta di credito o il bancomat, così da impedire il furto 'elettronico' di denaro. Se ci si accorge di pagamenti non corrispondenti ai propri, è bene segnalarlo subito chiamando i numeri di riferimento. T.Pay spiega poi che le carte rinnovate di recente si basano sugli ultimi criteri di sicurezza, sia per pagamenti 'fisici' che sul web. L'invito dell'istituto è a non lasciare mai incustodita la propria carta. Le operazioni, comunque, vengono notificate dalla app T.Pay: un ulteriore segnale per rendersi conto se qualcuno ci ha derubato.