Logo San Marino RTV

Eurolega, in Gara 2 colpacci di Darussafaka ed Efes su Real e Olympiacos

22 apr 2017
Eurolega
Eurolega
Un venerdì sera da cose turche quello dell'Eurolega, che assiste alle inattese imprese di Darussafaka ed Efes sui parquet di Real Madrid e Olympiacos: le serie ora sono entrambe sull'1-1, con le due squadre di Istanbul che avranno due match casalinghi a disposizione per prendersi la Final Four, pure quella da giocarsi nella capitale turca.

Partiamo dall'84-80 del Darussafaka sulla testa di serie numero 1, il Real Madrid. È la vittoria del gruppo contro gli assoli dei singoli quella dei turchi, che si godono i 21 di Wanamaker, i 17 a testa di Wilbekin e Zizic- che ci mette anche 8 rimbalzi – e i 13 di Clyburn. Subito dominanti grazie al pessimo avvio dell'attacco dei blancos, che permette loro di salire anche sul +9 e di chiudere il primo tempo avanti di 6.

Ma se di squadra gira poco il Real ha pur sempre a disposizione le invenzioni dei sui assi. Nella fattispecie quelle di Llull – 5 triple nel solo terzo quarto e 22 punti totali – e di Ayon, 30 di valutazione grazie a 16 punti, 8 rimbalzi e 5 assist. Le folate del duo rimettono in bilico il match ma ormai il Darussa ha fiutato l'impresa, così, a 49” della sirena, Wilbekin piazza una magia che vale il definitivo vantaggio, difeso dalla freddezza in lunetta di Clyburn e Wanamaker.

Ancor più combattuto il 73-71 dell'Efes sull'Olympiacos, coi blu trascinati dai 16 di Dunston - con 11/12 al tiro - e dai 15+9 rimbalzi di Honeycutt. Il Pireo però ha il duo da 40 punti Printezis-Spanoulis e dopo un avvio in sordina chiude il primo tempo sul +7, forte di un 50% dalla distanza.

L'Efes torna prepotentemente in partita e non si arrende nemmeno quando, a 5' dal termine, Spanoulis ribadisce il +7 dall'arco: ecco infatti un 8-0 turco, chiuso dalla schiacciata del sorpasso di Brown. E infine l'eroe che non ti aspetti, Alex Kirk, che prima infila il +2 e poi, a 1” dalla fine, va a rimbalzo sulla tripla di Green fermata dal ferro, anticipando l'arrembaggio di Papanikolaou e blindando il colpaccio.

RM