Logo San Marino RTV

Padova inarrestabile, la Feralpi cade a Carpi

I biancoscudati battono 2-0 l'Arzignano e sono a 22 punti in 8 turni, gli emiliani s'impongono 1-0 con gol di Carta.

di Riccardo Marchetti
7 ott 2019
Padova Arzignano

22 punti in 8 gare, miglior attacco con 17 gol fatti e miglior difesa con 3 reti subite: questi i numeri esagerati di un Padova quasi inarrestabile, che in attesa del Vicenza comanda con 6 punti di vantaggio su Reggiana e Sudtirol. A sto giro la vittima è l'Arzignano, steso 2-0. I gialloazzurri sono penultimi senza vittorie e sin qui hanno segnato solo due reti, eppure, in avvio, i biancoscudati s'impegnano per regalargli una marcatura attesa 4 partite: al via Kresic inciampa e Pattarello gli ruba palla, salta Pelagatti col tunnel e infine si ferma sul ritorno del croato. Poi è Fazzi a sbagliare il retropassaggio e a imbeccare Piccioni, che contraccambia calciando malissimo dal limite. Il Padova gigioneggia ma sul finir del tempo passa col colpo di testa proprio di Kresic, pescato sul secondo palo dalla punizione di Ronaldo. Che nella ripresa rischia di farsi assistman bipartisan tamponando Cais, servito in area da Piccioni. Le speranze di parità dell'Arzignano s'infrangono sul rigoraccio di Maldonado, con Minelli che intercetta e Pelagatti che allontana di testa. Tosi evita il raddoppio prima su Castiglia e poi con l'uscita su Bunino, arrendendosi solo quando Buglio manda al bar Perretta e la mette a fil di palo da oltre la mezzaluna. Le ultime arrivano dagli spunti a sinistra di Baraye: Soleri s'inceppa in area piccola, mentre al giro dopo ci sono l'autotraversa di Pasqualoni e il palo di Mandorlini, intervenuto di testa sulla riga.

Il Padova vince come ha fatto con tutti tranne che con il Carpi, che dopo due ko si prende il 6° posto grazie all'1-0 sulla FeralpiSalò, senza successi da 4 gare e ad appena un punto dai playout. Gardesani pericolosi con la svirgolata sottoporta di Scarsella, che non diventa assist per Legati per questione di millimetri. Di là Saric cade in area ma riesce comunque a servire Vano, sul parapiglia che segue lo stesso Saric cannona di destro e manda alto di niente. Nobile rimedia al liscio di Pellegrini murando Scarsella, poi il gol vittoria: Saric ricicla il cross di Jelenic per il tiro di Vano, De Lucia respinge ma Legati dorme sull'inserimento di Carta, che ribadisce in rete sancendo l'ennesimo scivolone della Feralpi.