Logo San Marino RTV

Siena o Cosenza, da stasera una sarà in Serie B

16 giu 2018
Siena o Cosenza in BSiena o Cosenza, da stasera una sarà in Serie B
Siena o Cosenza, da stasera una sarà in Serie B - Reduci da due stagioni opposte - 2° posto regular season per i toscani, playoff da urlo per i calabr...
Così come nel 2017 col Parma, l'infinita roulette dei playoff di Serie C restituirà la B a una squadra che la perse, anni or sono, a causa del fallimento. Siena o Cosenza, due realtà diversissime accomunate dallo stemma – Lupa e Lupo – e da un tram chiamato bancarotta. Costata ad entrambe, in tempi e con storie ben lontane tra loro, l'addio sin qui definitivo alla cadetteria.

Quello del Siena è più recente e risale al 2014, quando il club, reduce da 7 stagioni di fila in Serie A, chiuse i battenti dopo un onorevole 9° posto in B. Che il Cosenza non vede addirittura dal 2003: retrocessione sancita dal campo e ribadita in tribunale, col fallimento che impedì il ripescaggio dovuto al caso Catania e al conseguente blocco delle discese in C1. Il suo posto lo prese, a sorpresa, la Florentia Viola – poi Fiorentina – alla quale venne regalato il doppio salto C2-B.

Siena e Cosenza sono ripartite dalla D – i calabresi fallendo altre tre volte – entrambe sono pronte a tornare dove tutto è iniziato. Percorsi quasi opposti anche nella stagione in corso. Il Siena ha chiuso il Girone A 2° dietro al Livorno ed è entrato solo ai quarti, faticando non poco e salvandosi grazie ai rigori. Quello inesistente contro la Reggiana, fischiato al 97° e segnato da Santini al 100°, e quello sbagliato da Mazzarani nella lotteria col Catania. Più fortuna che valore, considerando anche la traversa presa da Lodi in chiusura di supplementari. Siena che resta comunque favorito, nonostante arrivi alla sfida con tre convocati dalla Berretti e parecchie caselle vuote. Ben 5 gli squalificati: Rondanini e Iapichino, espulsi coi siciliani, e poi Bulevardi, Gerli e Santini. Poi ci sono gli acciaccati D'Ambrosio, Guberti e Cristiani, gli ultimi due in forte dubbio.

Viceversa, il Cosenza è arrivato solo 5° in regular season, ma i suoi playoff sono stati da urlo: in otto gare sei vittorie e un ko, indolore, a Bolzano, un ruolino che gli ha permesso di ribaltare per due volte il fattore stagionale a sfavore. Trapani, Sambenedettese e Sudtirol, tutte più quotate e tutte fatte fuori. In difesa esce Pascali, squalificato, e torna Dermaku, che la squalifica l'ha scontata. Davanti invece scalpita Baclet, che per tre volte ha segnato da subentrato e ora contende la maglia a Okereke.

RM