Logo San Marino RTV

App Immuni: partita la sperimentazione nelle Marche

Fabio Andreini, presidente dell'Associazione Sammarinese per l'Informatica, ci ha spiegato che anche a San Marino è stata presentata alle Istituzioni un app simile

di Giacomo Barducci
8 giu 2020
App Immuni: partita la sperimentazione nelle Marche
App Immuni: partita la sperimentazione nelle Marche

Già attiva su tutto il territorio italiano l'applicazione “Immuni” inizia oggi la sperimentazione in Liguria, Puglia, Abruzzo e Marche. Nelle altre regioni italiane bisognerà aspettare il 12 giugno. L'app utilizza la tecnologia Bluetooth per comunicare con i cellulari delle persone a cui stiamo vicini. Ogni cellulare ha un codice e registrerà autonomamente i dispositivi che ci sono stati vicini, senza sapere posizione o identità della persona.

Se un utente scopre di essere positivo e comunica alle autorità sanitarie il suo codice, sarà inviata una notifica di allerta su tutti i telefoni degli utenti che, anche inconsapevolmente, sono venuti a contatto con il contagiato nei 14 giorni precedenti, con una distanza inferiore ai 2 metri e una durata di almeno 15 minuti. Una volta scaricata l'app non richiede nessuna registrazione, basta inserire regione e provincia di domicilio.

I dati vengono salvati in locale e saranno cancellati quando non più necessari e comunque non oltre il 31 dicembre 2020. A San Marino, ci spiega Fabio Andreini, è possibile utilizzare l'app segnando come regione di appartenenza l'Emilia Romagna. "È stata però presentata alle Istituzioni sammarinesi - aggiunge Andreini - un'app simile che è ancora in corso di valutazione".

Nel servizio l'intervista a Fabio Andreini (Presidente ASI)