Logo San Marino RTV

Di nuovo bufera all’interno del tribunale. Il giudice Vannucci si dimette

11 nov 2009
E’ di nuovo bufera all’interno del tribunale. Sul tavolo del Congresso di Stato sono arrivate le dimissioni del giudice Vannucci che si occupa di antiriciclaggio.
L’incarico di entrare a far parte del gruppo di coordinamento antiriciclaggio glielo aveva affidato il governo, ai fini dell’esame Moneyval, superato da San Marino che si è visto revocare la procedura rafforzata, e al governo il giudice Vannucci ha presentato le sue dimissioni: non vuole più rappresentare la Repubblica a Strasburgo. Perché? Perché circa un mese fa, è esploso il disagio tra lei e il magistrato dirigente Valeria Pierfelici. Non da oggi il giudice Vannucci richiama l’attenzione sull’eccessivo carico di lavoro che grava sulle sue spalle, e non è la sola: lo stesso Moneyval si era detto preoccupato per il fatto che tutto ricadesse su un’unica persona, e all’orizzonte c’è la nuova verifica degli ispettori di Strasburgo, a marzo. Rita Vannucci aveva chiesto di studiare soluzioni alternative, per spalmare diversamente i carichi di lavoro, ma è arrivata la lettera della Pierfelici, piuttosto dura a quanto pare, se ha indotto la Vannucci a dimettersi. Il governo ha respinto le dimissioni e rinnovata la fiducia, ma il magistrato antiriciclaggio non sembra intenzionata a ritornare sulle sue decisioni, anche perché il problema non è col governo, ma direttamente col suo superiore, e i disagi rimarrebbero tutti. Non è la prima volta che si registrano problemi tra il dirigente e i commissari del settore penale: forse questo ulteriore episodio indurrà il governo ad accelerare la convocazione del consiglio giudiziario.

Francesca Biliotti