Logo San Marino RTV

Aviaria: nessun allarme sul Titano dopo la scoperta nel ferrarese

17 ago 2013
Aviaria: nessun allarme sul Titano dopo il focolaio scoperto in un allevamento del FerrareseAviaria: nessun timore sul Titano
Aviaria: nessun timore sul Titano - Come prevede la prassi le autorità italiane hanno avvertito l'Iss, ma sul Titano non sono mai arriva...
"L'Italia ha subito diramato comunicazione a San Marino, obbligatoria in questi casi, sulla scoperta qualche giorno fa di un focolaio di aviaria in un allevamento di Ostellato, nel Ferrarese. Un canale di comunicazione efficiente, ormai prassi consolidata tra Paesi partner – fa sapere il Servizio Veterinario dell'ISS - nel pieno rispetto delle normative comunitarie. Stavolta fortunatamente nulla di preoccupante". Il virus H7 che ha colpito l'allevamento emiliano di 128mila galline ovaiole è sì tra i più virulenti, ma non pericoloso per la salute delle persone. La Regione, infatti, non ha disposto alcuna restrizione al consumo di alimenti. In via del tutto precauzionale è stato però ritenuto necessario ritirare le uova in circolazione, prodotte nello stabilimento a partire dal 20 luglio per un eventuale rischio di trasmissione del virus ad altri animali di specie avicola. Uova che comunque sul Titano non sono mai arrivate, almeno attraverso la rete della grande distribuzione. "Nei magazzini e sugli scaffali dei supermercati sammarinesi neanche l'ombra di una confezione” – ci è stato assicurato. Probabilmente l'allevamento serviva un'area circoscritta alla propria zona. E proprio per non lasciare nulla al caso, a scopo preventivo sono in corso anche le operazioni di rintraccio e i controlli veterinari in tutti gli allevamenti della stessa filiera, per scongiurare ogni possibile diffusione in regione e oltre. Intanto l'abbattimento degli animali procede con regolarità e durerà una settimana. Se n'è parlato stamattina nel Comune di Ostellato durante la riunione dell'unità di crisi regionale costituita per l'emergenza. Lo smaltimento delle carcasse e dei materiali potenzialmente infetti è stato autorizzato presso una ditta specializzata del Forlivese.

sp