Logo San Marino RTV

Giro d'Italia: tutto pronto in Repubblica per l'arrivo della "Carovana Rosa"

Uno sforzo organizzativo importante, per il Titano. Diverse le limitazioni alla viabilità. Il Coordinatore del Comitato di Tappa, "non mancheranno alcuni disagi, soprattutto per i residenti"

18 mag 2019
Tutto pronto per l'arrivo del Giro
Tutto pronto per l'arrivo del Giro

Quest'anno è forse l'evento di punta, per il Titano; e questo a prescindere dal fattore meteo, che tanto preoccupa in queste ore. Le previsioni, comunque, parlano di un lieve miglioramento rispetto ad oggi. Di certo l'arrivo in Repubblica della cronoscalata del Giro d'Italia, richiede un'organizzazione perfetta, con un impegno sulle strade – specie per la Polizia Civile – che sarà totalizzante. La gara, che partirà da Riccione alle 13.00, terminerà in Piazzale Lo Stradone non prima delle cinque; ma il tracciato sarà invalicabile già a partire dalle 9 di mattina, per consentire il giro di ricognizione dei vari team della “carovana rosa”. Diverse, allora, le arterie che resteranno chiuse al traffico, con divieto di sosta: da Strada del Marano a Via del Passetto; da Viale Campo dei Giudei a Via Montalbo. Già dalle 5 di domani mattina, invece, resteranno chiuse altre strade, fra le quali Via Gino Giacomini - zona dedicata al parcheggio di allestitori e sponsor – e Via Piana, dove è installata l'Hospitality. Le uniche eccezioni sono previste per le Forze dell'Ordine, in caso di emergenze, oltre che per le Ambulanze del 118, ma solo per interventi in codice rosso. Sosta già inibita dalle 19 di oggi, per 24 ore, sulla carreggiata di alcune vie specie nelle zone di Faetano e Fiorentino; in varie strade e parcheggi di Città – invece - il divieto si protrarrà sino alle 23 di domani. E questo anche perché – nell'area del Castello – saranno installate strutture quali il Villaggio Commerciale, il Compound RAI, il podio e così via. Non saranno tollerate infrazioni di alcun tipo. Per le autovetture i parcheggi 5,6,7 e 9 saranno gli unici utilizzabili in centro storico; passando, ovviamente, per la Sottomontana. Una volta esauriti i posti il traffico sarà deviato prima nei parcheggi di Borgo Maggiore, poi in quelli di Cà Martino, dove un servizio navetta gratuito porterà i visitatori in prossimità della funivia, per la quale è prevista una giornata di lavoro intenso.


Nel servizio l'intervista a Fabio Berardi: Coordinatore Comitato di Tappa