Logo San Marino RTV

Sicurezza alimentare: 23 i sopralluoghi effettuati nei mesi di giugno e luglio. 17 le irregolarità accertate

Puntuali, come ogni estate, i controlli del Servizio Veterinario, e di Igiene Ambientale, negli stabilimenti produttivi e negli esercizi commerciali, specie del settore della ristorazione.

27 ago 2019
Alimenti esposti. Foto ansa
Alimenti esposti. Foto ansa

Se in Riviera, nei giorni scorsi, aveva fatto scalpore la notizia della chiusura di alcune strutture ricettive, ed il sequestro di quintali di cibo scaduto; in Repubblica non si segnalano – in questa calda estate - casi eclatanti. Prima di tutto, però, una precisazione: i dati che analizzeremo si riferiscono ai mesi di giugno e luglio; non essendo attualmente disponibili – per ovvi motivi – quelli di agosto. Il quadro che emerge è comunque indicativo della capillarità dei controlli effettuati da un presidio prezioso, a tutela della salute pubblica e della sicurezza alimentare. 23 i sopralluoghi – rigorosamente a sorpresa – effettuati, nel bimestre considerato, dalla Sanità Veterinaria e Igiene Ambientale dell'ISS, che si avvale di addetti della Polizia Civile appositamente formati. Nella maggior parte dei casi si trattava di attività del ramo della ristorazione come bar e ristoranti. In 6 occasioni l'intervento è avvenuto dopo un'allerta. “Dati – sottolinea il responsabile del Servizio, Antonio Putti – sostanzialmente in linea con quelli dello stesso periodo dello scorso anno”. Così come il capitolo delle irregolarità accertate. 17, nei due mesi scorsi; seguite dall'erogazione di sanzioni amministrative, specialmente per la non corretta tenuta di derrate alimentari o la scarsa pulizia degli ambienti. Eseguiti anche 3 sequestri di piccole quantità di merce. Di recente – aggiunge comunque Putti – “è leggermente diminuito il numero di sanzioni per mancanza di formazione del personale”, da tempo obbligatoria. Si iniziano a vedere i risultati, insomma, dell'opera delle istituzioni in questo ambito. Negli ultimi anni, inoltre, si è assistito ad un costante incremento delle attività, del Servizio, soprattutto “nel campo degli integratori alimentari”. Sempre in ambito di vigilanza sono stati effettuati 8 controlli ufficiali in attività di produzione primaria, come stalle di bovini ed ovini. 10, invece, gli “audit” ed ispezioni presso stabilimenti dotati di bolli CE. Rilasciate, infine, 18 autorizzazioni sanitarie, a seguito di sopralluoghi; una quindicina quelle per eventi ludici.