Logo San Marino RTV

Il Cesena travolge 4-1 la Vastese ed è a un punto dalla vetta

9 dic 2018
Cesena - Vastese 4-1Il Cesena travolge 4-1 la Vastese ed è a un punto dalla vetta
Il Cesena travolge 4-1 la Vastese ed è a un punto dalla vetta - I bianconeri scappano nel primo tempo con la doppietta di Ricciardo - al rientro dopo un mese di sto...
Da 4 a 1 punto di ritardo, grazie a un 4-1. La capolista Matelica si fa beffare in casa dalla Recanatese e il Cesena non si fa sfuggire l'occasione, dilagando sulla Vastese e portandosi a una sola lunghezza dalla vetta, che due turni fa stava a +7. Angelini ritrova l'aria pura d'altura e si gode una coppia da dieci gol a testa: Ricciardo – che torna dopo un mese di stop e fa doppietta – e Fortunato, fino a 14 giorni fa bomber del Pineto e ora al secondo centro in due partite in bianconero. Entrambi capocannonieri del girone – con Minella del San Nicolò – entrambi decisivi per archiviare la pratica nella seconda metà del primo tempo.

Sin lì, un'occasione per parte: Giampaolo s'accentra dalla sinistra, scarica a giro e manda appena a lato, di là invece Tortori manda a spasso Di Giacomo e va a rimorchio per la bordata di De Feudis, con Selva ad alzare in angolo. Lo show vero comincia al 26°: punizione senza pretese di Benassi, stavolta Selva s'incarta e Ricciardo gliela fa pagare tutta. E 3' dopo c'è il bis: Alessandro triangola con Valeri – con tanto di tacco del terzino – e la mette di precisione sulla testa del centravanti, lasciato senza controllo dai difensori. Il brutto rapporto portieri-punizioni viene ribadito da Agliardi, che sul piazzato di Fiore riesce a toccarla sulla traversa, ma non evita la rete che riporta gli ospiti a contatto. Solo per 2': al 39° Alessandro strappa un pallone e parte a sinistra su imbeccata di Fortunato, traversone sul lato opposto dove la spaccata di Tortori finisce sul palo e viene ribadita nel sacco dallo stesso Fortunato.

Nella ripresa la Vastese prova a tornare in pista, ma non basta. Fiore sciupa l'assist dell'appena entrato Shiba, poi dal lato corto imbecca l'inzuccata di Leonetti e Agliardi riscatta l'incertezza precedente. Così, al 72°, ecco il poker di Tortori, che riceve in area da Alessandro e la piazza per un gol che gli mancava addirittura dalla prima giornata.

RM