Logo San Marino RTV

Dg Romeo intervistato da Eurovision In: “Europe: Shine A Light” proposta inadeguata

5 apr 2020
Dg Romeo intervistato da Eurovision In: “Europe: Shine A Light” proposta inadeguata

Il sito eurovisionin.com dedica una lunga intervista al Dg di San Marino Rtv, Carlo Romeo, su quella che viene definita la “travagliata cancellazione dell'ESC 2020”. Un annullamento respinto dal Titano che ha invece proposto un rinvio ad ottobre. Gli organizzatori dell'evento, che si sarebbe dovuto tenere a Rotterdam nel mese di maggio, hanno poi chiesto proposte alternative e San Marino ha presentato un format, per il 16 maggio, che faccia anche servizio pubblico, raccontando il Covid-19 paese per paese. Nell'idea di San Marino Rtv sarebbero confermati gara, giuria e televoto.

L'organizzazione ha poi annunciato “Europe: Shine A Light”, una trasmissione senza gara e quindi senza “appeal televisivo”, sottolinea Romeo. “Una proposta totalmente inadeguata – continua il Dg – per i contenuti, i tempi e i modi”. La Rai ha invece elaborato una proposta che mantenga la gara, coinvolga il pubblico e, nello stesso tempo, raccolga fondi benefici, forti del successo del programma “Musica che unisce”. “A questo punto anche Rtv sostiene il progetto Rai – afferma Romeo –, ritenendolo assolutamente adeguato ai tempi”.

Martedì – ricorda – ci sarà una importante scadenza Ebu su questo e Carlo Romeo spera “si possa evitare di perdere una occasione unica” (visti anche gli ottimi ritorni di capo delegazioni, artisti e produttori sulla proposta di Rtv), ma servono “coraggio e capacità di affrontare l'emergenza”. Ma il vertice Esc – rimarca il Dg – “ha confermato se stesso anche in questa circostanza”. Capitolo a parte sulla comunicazione della cancellazione. “Troviamo gravissimo aver appreso la notizia dai media”; partner e sponsor l'hanno saputo prima di “noi che facciamo parte di Ebu”. “Scandaloso”, taglia corto Romeo.

Ora la speranza è che i maggiori broadcaster prenderanno nella giusta considerazione la proposta Rai. “Noi – aggiunge – molto probabilmente aderiremo il 16 maggio a “Europe: Shine A Light” esclusivamente per spirito europeo”, ma l'inadeguatezza del format rimane. “Il coronavirus – conclude il Dg – non può e non deve abrogare in questa maniera l'Europa televisiva”.