Logo San Marino RTV

LOVERS (AMANTI) INNAMORATI di Jarmusch

21 mag 2014
LOVERS (AMANTI) INNAMORATI di Jarmusch
LOVERS (AMANTI) INNAMORATI di Jarmusch
LUOGHI DEL CUORE (pieni di sangue):
La città spettrale “bella di notte”: Detroit, capitale dell'automobile in decomposizione, da rottamare. Tangeri, cittadina berbera del Marocco nei secoli romana poi rasa al suolo e 'vissuta' dai vandali. Araba: di tradizione francese e un po' anglosassone.
CI VORREBBE FRANKENSTEIN (si parla anche di Mary SHelley)
Luoghi della permanenza degli ultimi vampiri moderni consumati dall'uomo contemporaneo vuoto e senza speranza privo d'amore; sporco e infetto anche nel sangue. Gli zombi siamo noi: ed è vero. Morti che camminano gonfi di sé: poca roba di fronte alla sconfinata cultura millenaria di bellezza della stirpe eletta: i figli della notte contro le 'tenebre' del giorno che sorgono intorno a tanti piccoli uomini ben lontani dalla genialità rinascimentale (e anche medioevale!) ormai incapaci di cercare la perfezione che un tempo era dei figli di DIO.
COMMENTI MUSICALI ( a volte il dialogo è in sottofondo: voci sotto le musiche)
C'è ironia e complicità in dosi geniali in un impareggiabile autore come Jim Jarmusch unico a saper fare in passato un film con e su Benigni (Daunbailò), che neanche lui...
ALTRO CHE TWILIGHT...
Una storia d'amore, THE LOVERS, tra Adam musicista maledetto underground ed Eva diafana amante del bello innamorati nei secoli dei secoli con in mezzo Marlow, l'antagonista di Shakespeare, interpretato da un vecchio e splendido, rugoso, John Hurt che muore (da eroe) come un uomo anche se non lo è.
Intanto la traduzione italiana GLI AMANTI andrebbe sostituita con GLI INNAMORATI che si amano per sempre: a suon di musica così underground e contaminata anzi sporcata e impura come il sangue rubato alla gente per strada che “non è più quello dei secoli passati quando vaiolo e peste lo rendevano riconoscibile...”; provette da laboratorio meglio se RH NEGATIVO sono la purezza da bere in antichi bicchieri settecenteschi e fiaschette da passeggio per questi vampiri giustamente retrò.
Il cameo della cantante YASMINE (nel film) è una interpretazione live conturbante e sensuale in libanese suona davvero a Tangeri in una cantina-tabarin. Lei è YASMINE HAMDAN (nella vita) e per fortuna esiste davvero mica come i vampiri di jim jarmush, purtroppo; magari se ci fossero servirebbero a farci rinsavire, a noi zombie...
fz